27/04/12

Molto profondo come video...



Come puoi sapere che Dio ti ama?
"Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo unico Figlio perché chi crede in lui non muoia ma abbia vita eterna."(Giovanni 3:16)

Dio vuole che tu lo conosca
Gesù ha detto: "Questa è la vita eterna: che conoscano te, il solo vero Dio, e colui che tu hai mandato, Gesù Cristo." (Giovanni 17:3)

Se questa è la volontà di Dio, che cosa c’impedisce di avere un rapporto personale con Lui?
2.Il peccato ci separa da Dio: per questo non possiamo avere un rapporto personale con Lui, né godere del suo amore.

Siamo tutti peccatori
"Tutti hanno peccato e sono privi della presenza di Dio che salva." (Romani 3:23)

Che cos'è il peccato?
L'uomo, creato per vivere in rapporto personale con Dio, ha deciso da solo che cosa fare della propria vita.
Dimostriamo questo atteggiamento o ribellandoci apertamente, o ignorandolo, o essendo semplicemente indifferenti al suo amore.

Il peccato ci separa da Dio
"Perché il salario del peccato è la morte." [Separazione da Dio] (Romani 6:23)
"Le vostre iniquità vi hanno separato dal vostro Dio; i vostri peccati gli hanno fatto nascondere la sua faccia da voi." (Isaia 59:2)

Dio è santo, noi siamo peccatori. Un abisso ci separa. C’è un vuoto nella nostra vita che nulla può riempire: né amici, né denaro, né cultura, né carriera, né altro.
Beh... Possiamo provare a lanciare ponti per raggiungere Dio con le pratiche religiose, comportandoci bene, con la meditazione, ma... Sono tutti sforzi inutili, perché non risolvono l’origine del problema:
che è IL PECCATO
(Il peccato non è come tu o io possiamo definire il peccato, ma è ciò che ne pensa Dio e ciò che ne dice la Bibbia che veramente importa. Il peccato è ogni strappo alla santa legge e giustizia di Dio, che non può far finta di non vedere e non sentire. Molti uomini si reputano giusti perché non rubano e non uccidono, ma non sanno che davanti a Dio la loro giustizia è "come un abito sporco" Isaia 64:6
("Tutti quanti siamo diventati come l'uomo impuro, tutta la nostra giustizia come un abito sporco; tutti quanti appassiamo come foglie e la nostra iniquità ci porta via come il vento." Isaia 64:6).

Gesù Cristo è l’unica soluzione. Egli ha distrutto il potere del peccato e ristabilito il rapporto tra Dio e uomo.

E’ morto al nostro posto
"Cristo ha sofferto una volta per i peccati, Lui giusto per gli ingiusti, per condurci a Dio." (1 Pietro 3:18)

"Dio invece mostra la grandezza del proprio amore per noi in questo: che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi." (Romani 5:8)

Gesù Cristo è l’unica via per arrivare a Dio
Gesù disse: "Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me." (Giovanni 14:6)

Ricevere Gesù Cristo nella propria vita significa:
- Mutare atteggiamento interiore:
riconoscere di essere peccatore e voler abbandonare il peccato.

- Cessare di essere concentrati su di sé e fidarsi di Dio che perdona perché Gesù è morto per i nostri peccati.

- Decidere di seguire Gesù come Signore della propria vita
non basta dire, né reagirvi solo emotivamente. E’ necessario fare una scelta, è necessario negare se stessi.




26/04/12

Il potere della preghiera


Una donna, vestita sobriamente, con il volto triste, entrò in un negozio, si avvicinò al padrone e umilmente gli chiese se poteva prendere alcuni alimenti a credito.

Con delicatezza gli spiegò che suo marito si era ammalato in modo serio e non poteva lavorare e i loro sette figli avevano bisogno di cibo. 

Il padrone non accettò e le intimò di uscire dal negozio. Conoscendo la reale necessità della sua famiglia la donna supplicò: 
"Per favore, signore, glielo pagherò non appena posso."

Il padrone ribadì che non poteva farle credito, e che lei poteva rivolgersi ad un altro negozio.

In piedi, vicino al banco, si trovava un cliente a che aveva ascoltato la conversazione tra il padrone del negozio e la donna.

Il cliente si avvicinò e disse al padrone del negozio che avrebbe pagato quello che la donna avrebbe preso per il bisogno della sua famiglia.

Allora il padrone, con voce riluttante, chiese alla donna: 
"Ha la lista della spesa?"
La donna disse, "Si, signore."

"Bene!" disse il padrone. "Metta la sua lista sul piatto della bilancia e le darò tanta merce quanto pesa la sua lista."

La donna esitò un attimo e, chinando la testa, cercò nel suo portafoglio un pezzo di carta, scrisse qualcosa e poi posò il foglietto su un piatto della bilancia.

Gli occhi del padrone e del sacerdote si dilatarono per lo stupore, quando videro il piatto della bilancia, dove era stato posato il biglietto, abbassarsi di colpo e rimanere abbassato.

Il padrone del negozio, fissando la bilancia, disse: "È incredibile!" Il cliente sorrise, e il padrone cominciò a mettere sacchetti di alimenti sull'altro piatto della bilancia. 

Pur continuando a mettere molti alimenti, il piatto della bilancia non si muoveva, fino a che si riempì. Il padrone rimase profondamente stupito.

Alla fine, prese il foglietto di carta e lo fissò ancora più stupito e confuso , non era una lista della spesa! 

Era una preghiera, che diceva: 
Mio Dio, tu conosci la mia situazione e sai ciò di cui ho bisogno: metto tutto nelle tue mani".

Il padrone del negozio, in silenzio, consegnò alla donna tutto ciò che aveva messo nel piatto della bilancia.

La donna ringraziò e uscì dal negozio. 
Il cliente, consegnando una banconota da 50, disse al padrone: 
" - Ora sai quanto pesa una preghiera." 

_____ * _____ * ______ *______ * _____ * _____ *  ______

Ricordiamoci: "Tutto quello che chiederete con fede nella preghiera lo otterrete" (Mt 21,22)
La preghiera, secondo la Parola di Dio, è un meraviglioso viale che conduce a servire il Signore con gioia.

"Ti esorto, dunque prima di ogni cosa, che si facciano suppliche, preghiere intercessioni e ringraziamenti per tutti gli uomini, "
(I Timoteo 2:1 )
Oltre alla sua importanza come mezzo di contatto tra noi e Dio, la preghiera è anche un’arma del credente nella guerra spirituale. 

"Non cessate mai di pregare."
(1 Tessalonicesi 5:17)

La Parola ci da anche degli esempi sul DOVE possiamo pregare.

"Questi, ricevuto un tale ordine, li [Paolo e Sila] gettò nella parte più interna della prigione e fissò i loro piedi ai ceppi. 
Verso la mezzanotte Paolo e Sila pregavano e cantavano inni a Dio; e i prigionieri li udivano." ( Atti 16:24,25)

"Voglio dunque che gli uomini preghino in ogni luogo, alzando le mani pure, senza ira e dispute." 1 Timoteo 2:8)

"E la preghiera della fede salverà il malato e il Signore lo risanerà, e se ha commesso dei peccati, gli saranno perdonati."
(Giacomo 5:15)

"Del resto fratelli, pregate per noi, affinché la parola del Signore possa spandersi rapidamente e sia glorificata, come lo è fra voi." (2 Tessalonicesi 3:1)

Ricordiamoci dell'enorme potere a noi disponibile quando preghiamo per gli altri, per la chiesa, per la grande comprensione spirituale, per l'audacia di parlare la parola.

Dio vi benedica nel nome del Signore Gesù


Se Gesù fosse...


-Se Gesù fosse un' attore famoso...
Immagino che molte persone Lo amerebbero!

-Se Gesù fosse cioccolato...
Penso che piacerebbe a molti!

-Se Gesù fosse parco di divertimento...
Credo che tutti vorrebbero andare a giocare!

-Ami a Gesù, e credi che Egli è morto sulla croce per te, e...
Non c'è nessun altro che morirà per te!

-Ricordate: -Gesù ti ama e ti ama per quello che sei!


"Gesú gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me." (Gio 14:6)

"E in nessun altro vi è la salvezza, poiché non c’è alcun altro nome sotto il cielo che sia dato agli uomini, per mezzo del quale dobbiamo essere salvati»." (Att 4:12)

Gesù preparò con il Suo sangue la via al Padre e entrò per una volta per sempre nel Santo Santuario:
"Entrò una volta per sempre nel santuario, non con sangue di capri e di vitelli, ma col proprio sangue, avendo acquistato una redenzione eterna." (Ebr 9:12)

Poi disse ai Suoi Discepoli che attraverso questa via anche loro saranno con Lui e con il Padre:
"E quando sarò andato e vi avrò preparato il posto, ritornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io siate anche voi." (Gio 14:3)

"Gesú gli disse:
"Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me." (Gio 14:6)

Egli è la vita, L'Autore e il Donatore della vita eterna:
Gesù le disse, "Io sono la risurrezione e la vita; chiunque crede in me, anche se dovesse morire, vivrà." (Gio 11:25)

Attraverso la Sua morte sulla croce Egli acquistò la vita del suo popolo e per il Suo Spirito Egli porta la nostra fede alla perfezione:
"Tenendo gli occhi su Gesú, autore e compitore della nostra fede, il quale, per la gioia che gli era posta davanti, soffri la croce disprezzando il vituperio e si è posto a sedere alla destra del trono di Dio." (Ebr 12:2)

Dio ha stabilito Cristo come il SOLO mediatore:
"Vi è infatti un solo Dio, ed anche un solo mediatore tra Dio e gli uomini: Cristo Gesú uomo," (1Ti 2:5)
e ha ordinato che tutte le benedizioni devono scendere su questo mondo attraverso Lui soltanto. Perciò Dio ha messo il mondo sotto il Suo controllo, ha dato gli affari degli uomini nelle Sue mani e ha costituito che sia Lui a dispensare tutto quello che è necessario per la nostra pace, perdono e salvezza.

Queste parole sono chiare:
"Non c’è alcun altro nome sotto il cielo che sia dato agli uomini, per mezzo del quale dobbiamo essere salvati".
Qua non c'è alcuna confusione né queste parole si possono interpretare in altro modo, la verità è chiara... L'unico Mediatore è Gesù Cristo
"-Poiché v’è un solo Dio ed anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo,  il quale diede se stesso qual prezzo di riscatto per tutti; fatto che doveva essere attestato a suo tempo." (1 Timoteo 2-5 )

25/04/12

Corona d'onore

«Io vengo presto; tieni fermamente quello che hai, perché nessuno ti tolga la tua corona.» (Apocalisse 3:11).

«Ho combattuto il buon combattimento, ho finito la corsa, ho conservato la fede. Ormai mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno.» 
(2 Timoteo 4-7,8) 


23/04/12

Io amo Dio


"-Se uno dicesse: «Io amo Dio», e odiasse il suo fratello, è un mentitore. Chi infatti non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede.  (I Giovanni 4:20)

Qual è il valore dell’essere umano?


Il giovane discepolo chiese al maestro: 
“-Qual è il valore dell’essere umano?”.
Il saggio prese un diamante dalla sacca e gli disse: 
”-Offri questa pietra a diversi commercianti del mercato e poi raccontami quello che ti diranno”
Prima entrò in una frutteria, e il fruttivendolo gli disse: 
“-Te lo cambio per un grappolo di uva”. 
Più tardi un falegname le disse: 
“-Ti offro tre pezzi di legno”. 
Andò in un negozio di abbigliamento, dove gli avrebbero dato 100 monete d’oro. 
E finalmente, il discepolo visitò la più grande gioielleria della città. Il gioielliere disse: 
“-Mi piacerebbe potertelo comprare. Però questo diamante è così valoroso che non ha prezzo.”
Il giovane tornò con la pietra preziosa e gli spiegò cosa era successo. 
Il vecchio saggio sorridendo concluse dicendo:
“-come è successo con questa pietra, per quelli che sanno vedere, il valore di un essere umano è incommensurabile”

La Bibbia ci insegna chiaramente che dobbiamo amare noi stessi, perché siamo creati all’immagine di Dio. Come creature abbiamo valore e per dimostrarlo Cristo è morto per noi.

  “DIO creò l’uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio”(Genesi 1:27). 
Averlo creato alla sua immagine indica il valore del tutto particolare che Dio attribuisce all’uomo.

 “Conosco i pensieri che ho per voi…pensieri di pace e non di male, per darvi un futuro e un speranza” (Geremia 29:11; 1:5). 
Il fatto che Dio abbia un progetto per ogni uomo, significa che tutti gli uomini, nessuno escluso, per Lui hanno una grande importanza.    
 “…persino i capelli del vostro capo sono tutti contati…”(Luca 12:7) dice quanto è prezioso per Dio ogni essere umano.

Se vi dovesse capitare di trovare un gioiello sporco e infangato, la raccogliereste lo stesso, perché riconoscete che ha ancora il suo valore, per Dio abbiamo sempre valore, malgrado la nostra condizione sia molto simile a quella di quel gioiello, Dio ci ascolta, ci accoglie e ci esaudisce secondo la sua volontà e in virtù della Sua grazia, non per i nostri meriti.
Questo non significa che possiamo trattare con leggerezza il peccato, ma nessuno potrà vantarsi di essere esaudito per la propria giustizia, poiché davanti a Dio siamo tutti peccatori e la nostra giustizia è come un abito sporco, ma per la giustizia che ci ha donato in Cristo, e solo nel suo nome siamo esauditi.


Gesù nostro tesoro


Un saggio era giunto in prossimità del villaggio e si stava sistemando sotto un albero per la notte, quando un abitante del villaggio arrivò correndo da lui e disse: 
"La pietra! La pietra! Dammi la pietra preziosa!" 
"-Che pietra?", chiese il saggio. 
"-La notte scorsa il Signore mi è apparso in sogno - disse l’abitante del villaggio -, e mi ha detto che se fossi venuto alla periferia del villaggio al crepuscolo avrei trovato un saggio che mi avrebbe dato una pietra preziosa che mi avrebbe reso ricco per sempre."
Il saggio rovistò nel suo sacco e tirò fuori una pietra. 
"-Probabilmente intendeva questa - disse porgendo la pietra all’uomo - l’ho trovata su un sentiero nella foresta qualche giorno fa. Puoi tenerla senz'altro." 
L’uomo osservò meravigliato la pietra. Era un diamante, probabilmente il diamante più grosso del mondo perché era grande quanto la testa di un uomo. Prese il diamante e se ne andò. 
Tutta la notte si rigirò nel letto, senza poter dormire. Il giorno dopo, allo spuntare dell’alba, svegliò il saggio e disse: 
"-Dammi la ricchezza che ti permette di dar via così facilmente questo diamante!"


Gesù nostro tesoro "Dove sono le vostre ricchezze là c'è anche il vostro cuore." (Lc 12,34)

Gesù disse alla folla: 
"Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo. Il regno dei cieli è simile a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra" 
(Mt 13,44-46). 

Gesù ci dice: "Io vengo presto; tieni fermamente quello che hai, perché nessuno ti tolga la tua corona" (Apocalisse 3:11).


19/04/12

Sei cristiano???


Hai il coraggio di testimoniare la sua fede?
Hai il coraggio di assumere che sei cristiano?
Negherebbe Gesù?
E tu che cristiano sei? 
Sei cristiano???

18/04/12

La sapienza

Dio promette di darci la sapienza che ci serve se Gliela chiediamo in preghiera, sicuri che Egli così ce la concederà.
Talvolta basta solo che noi chiediamo a Dio in preghiera di darci la sapienza per saper discernere la Sua volontà per la nostra vita.

"-Se poi qualcuno di voi manca di saggezza, la chieda a Dio che dona a tutti generosamente senza rinfacciare, e gli sarà data" (Giacomo 1. 5).

In Filippesi 4.6 Dio ci dice che dobbiamo pregare per qualsiasi cosa:
"- Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti".

La decisione è tua!


"Il giovane era giunto alla fine dell’addestramento, ben presto avrebbe iniziato a insegnare. Come ogni buon allievo, aveva bisogno di sfidare il maestro ed elaborare un proprio modo di pensare. Catturò un uccello e, tenendolo in mano, andò da lui:

- Maestro, questo uccello è vivo o morto?

Il suo piano era questo: se il maestro avesse detto “morto” lui avrebbe aperto la mano e l’uccello sarebbe volato via. Se la risposta fosse stata “vivo”, lo avrebbe schiacciato fra le dita: in questo modo, il maestro sarebbe stato in torto.

- Maestro, l’uccello è vivo o morto? - insistette.

- Mio caro allievo, questo dipenderà da te – fu il commento del maestro.
La decisione è tua!"

Prima di prendere una decisione,  pensa se è davvero quello che vuoi. 
Ricordate: la nostra vita è solo frutto delle nostre scelte, il nostro destino lo scegliamo. Dalle nostre scelte di oggi dipende il nostro futuro.  Siamo responsabili delle nostre scelte!
La decisione è tua!


17/04/12

L’orgoglioso e l’umile

“L’orgoglioso vuole insegnare, l’umile vuole praticare.”

L’orgoglioso, vuole insegnare e non è disposto ad imparare e per riuscire a conquistare i suoi obiettivi è egoista, perché pensa che solo lui conosce, e di conseguenza non lascia gli altri imparare, perché ha paura che possano sapere di più! 
Pensa che la sua esperienza è sufficiente, e per questo, non riconoscere i suoi difetti. 
Tenta di apparire e non di essere.
L’orgoglio può essere buono o male, come in un poco di brio in se stessi può essere positivo, già nell'arroganza può diventare un’esistenza arida. 
L’umile, al contrario dell’orgoglioso è sempre disposto a imparare dai suoi errori, perché vede nei suoi fallimenti l’opportunità di migliorare e fare meglio.
Non basta appena fare, ma consegnare i propri obiettivi corpo e anima, e essere disposti a essere umili per accettare le critiche e imparare dagli errori.
(Vescovo Julio Cesar)


Dio ci vuole bene

"-Libera quelli che son condotti a morte, e salva quei che, vacillando, vanno al supplizio." (Proverbi 24:11-21)

-Molte persone non riescono a capire che Dio ci vuole bene, e vuole aiutarci.

16/04/12

Perdonare il più grande dono di Dio!


Perdonare il più grande dono di Dio!

"-Se non vuole perdonare, tu sei un prigioniero di questo sentimento;  allora diventerai una persona vuota, amara e infelice!"

-Il perdono sarebbe semplice se dovessimo accordarlo soltanto a quelli che vengono a chiedercelo con dolore e pentimento. Ma... La Bibbia ci dice che dobbiamo perdonare coloro che peccano contro di noi, incondizionatamente. 
Rifiutare di perdonare davvero una persona mostra risentimento, amarezza e rabbia, caratteristiche queste che non appartengono a un cristiano. 
Perdonare significa anche dimenticare l'accaduto, sta scritto nella Bibbia che quando Dio ci perdona, Egli getta i nostri peccati in fondo al mare, e non si ricorderà mai più. Noi dobbiamo fare la stessa cosa. Il vero perdono non ha rancore, non ha dubbi, non ha pentimenti, non ha pensieri cattivi. 

Matteo 18:21-22  Allora Pietro gli si avvicinò e gli disse: "Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?. 
E Gesù gli rispose: Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette."

Nel “Padre nostro” chiediamo a Dio di rimetterci i nostri debiti così come noi li rimettiamo a coloro che peccano contro di noi 
“Poiché se voi perdonate agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonate agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe.” ( Matteo 6:14,15 )
Le persone che rifiutano di perdonare gli altri non hanno davvero sperimentato personalmente il perdono di Dio.

Dio è pronto a perdonare chiunque glielo chieda. E’ scritto nella Bibbia, nel Salmo 86:5:
“Poiché tu, o Signore, sei buono, pronto a perdonare, e misericordioso verso tutti quanti t’invocano.”

E’ scritto nella Bibbia, nel Salmo 51:1:
“Abbi pietà di me, o Dio, per la tua bontà; nella tua grande misericordia cancella i miei misfatti.”

 “Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità.”
(1 Giovanni 1:9)

-Se Dio ci ha perdonato così tanto, come possiamo rifiutare di perdonare gli altri per così poco? 



13/04/12

Mormorazione


Cosa c’è di peggio che le persone che mormorano? 
Si lamentano di tutto e di tutti, non gli va bene niente, e non sono mai contenti... 
Loro stessi non fanno nulla, ma criticano tutto e tutti, e giudicano l’operato di chi s’impegna per l’opera di Dio. 

Sta scritto nella bibbia:
“Sono dei mormoratori, degli scontenti; camminano secondo le loro passioni; la loro bocca proferisce cose incredibilmente gonfie, e circondano d'ammirazione le persone per interesse” (Giuda 1:16).

Dio c’invita a buttare via dal nostro cuore i mormorii: 
“Non mormorate, come alcuni di loro mormorarono, e perirono colpiti dal distruttore” (1Corinzi 10:10).

Ognuno che desidera di fare la volontà di Dio, deve far ogni cosa senza mormorii: 
“Fate ogni cosa senza mormorii e senza dispute” (Filippesi 2:14).


12/04/12

il Sogno di Dio


Non permettere a nessuna persona, a nessuna circostanza, a nessun ostacolo di trattenerti dal raggiungere e vivere il sogno che Dio ti ha messo nel cuore

“Prendi il tuo diletto nell’Eterno, ed egli ti darà i desideri del tuo cuore. Rimetti la tua sorte nell’Eterno, confida in lui, ed egli opererà.” Salmo 37:4-5

Dio vuole che tu l’abbia, perché ti ama e perché tu ami Lui! Quando Dio è al primo posto nella tua vita, quando la tua gioia più grande è amare Lui e servirLo con tutto il tuo cuore, allora i desideri che hai nel cuore li ha messi Lui per indicarti qual è la Sua volontà e il Suo piano per te.

L'invidia e il pettegolezzo

L'invidia

L'invidia e l'odio sono spesso all'origine della forma più distruttiva del pettegolezzo: la maldicenza, il pettegolezzo malevolo ovvero la calunnia. 
Certuni parlano dei loro simili con una intenzione volutamente cattiva. Il motivo è talvolta un desiderio di vendetta nato dalla gelosia o da un'offesa ricevuta oppure dall'invidia opportunamente dissimulata o ancora da una naturale, insana predisposizione alla mistificazione della realtà.
Quale sia la causa l'origine invece è certa, infatti 
è dal di dentro , dal cuore degli uomini, che nascono cattivi pensieri, calunnia... 

È scritto nella Bibbia:
7:18 E disse loro: Siete anche voi così privi di intelletto? 
Non capite che tutto ciò che entra nell'uomo dal di fuori non può contaminarlo,
7:19 perché non gli entra nel cuore ma nel ventre e va a finire nella fogna?
Dichiarava così mondi tutti gli alimenti.
7:20 Quindi soggiunse: Ciò che esce dall'uomo, questo sì contamina l'uomo.
7:21 Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono le intenzioni cattive: fornicazioni, furti, omicidi,
7:22 adultèri, cupidigie, malvagità, inganno, impudicizia, invidia, calunnia, superbia, stoltezza.
7:23 Tutte queste cose cattive vengono fuori dal di dentro e contaminano l'uomo.(Marco 7:18,23).

Chi si dedica alla diffamazione cerca comunque di favorire i propri interessi rovinando la reputazione altrui.
Anche se la calunnia è indubbiamente la più condannabile delle forme di pettegolezzo, ogni intenzione nefasta e maligna rivela mancanza di responsabilità e costituisce un danno alla morale.

Pettegolezzi

Quali effetti possono avere i pettegolezzi? 
Possono distruggere diversi rapporti. 
È scritto nella Bibbia, in Esodo 23.1: 
“Non spargere voci calunniose e non favorire l’empio attestando il falso.”

Spettegolare può rovinare delle amicizie. 
È scritto nella Bibbia, in Proverbi 16:28: 
“L’uomo perverso semina contese, il maldicente disunisce gli amici migliori.”

Il pettegolezzo è dannoso e permanente come una ferita fisica. 
È scritto nella Bibbia, in Proverbi 25.18: 
“L’uomo che dichiara il falso contro il suo prossimo, è un martello, una spada, una freccia acuta.”

I pettegolezzi sprecano tempo prezioso. 
È scritto nella Bibbia, in 2 Tessalonicesi 3.11,12:
“Difatti sentiamo che alcuni tra di voi si comportano disordinatamente, non lavorando affatto, ma affaccendandosi in cose futili. Ordiniamo a quei tali noi e li esortiamo, nel Signore Gesù Cristo, a mangiare il proprio pane, lavorando tranquillamente.”

Il pettegolezzo è basato su delle dicerie. 
È scritto nella Bibbia, in Proverbi 11:13: 
“Chi va sparlando svela i segreti, ma chi ha lo spirito leale tiene celata la cosa.”


09/04/12

La tua lingua ha bisogno di guarigione?


-La guarigione della lingua è un albero di vita che porta vita a noi e agli altri. Agisce sia verso l'interno che verso l'esterno.

La Bibbia ci ricorda:
"-Morte e vita sono in potere della lingua; chi l’ama ne mangerà i frutti." (Proverbi 18,21).

-Se la useremo nel modo giusto, sarà un albero di vita.
- Ma l'uso sconveniente della lingua produrrà morte;
tuttavia, in qualunque modo la useremo, di una cosa potremo essere certi: "Ne mangeremo i frutti."
- Ognuno mangia i frutti della propria lingua: se il frutto è dolce, mangeremo frutti dolci; se amaro, ci nutriremo di frutti amari. É così che Dio ha stabilito.

-Sicuramente il primo luogo dove manifesteremo il timor di Dio sono le nostre labbra e la nostra lingua.
"- Chi sorveglia le labbra preserva la vita, ma chi apre troppo la bocca, incontra la rovina." (Proverbi 13:3)

 "-Nessuna cattiva parola esca dalla vostra bocca; ma se ne avete qualcuna buona, che edifichi secondo il bisogno, ditela affinché conferisca grazia a chi l'ascolta". (Efesini 4.29)


sta scritto nella bibbia:
2. Poiché tutti falliamo in molte cose. Se uno non falla nel parlare, esso è un uomo perfetto, capace di tenere a freno anche tutto il corpo.
3. Se mettiamo il freno in bocca ai cavalli perché ci ubbidiscano, noi guidiamo anche tutto quanto il loro corpo.
4. Ecco, anche le navi, benché siano così grandi e sian sospinte da fieri venti, son dirette da un piccolissimo timone, dovunque vuole l’impulso di chi le governa.
5. Così anche la lingua è un piccol membro, e si vanta di gran cose. Vedete un piccol fuoco, che gran foresta incendia!
6. Anche la lingua è un fuoco, è il mondo dell’iniquità. Posta com’è fra le nostre membra, contamina tutto il corpo e infiamma la ruota della vita, ed è infiammata dalla geenna.
7. Ogni sorta di fiere e d’uccelli, di rettili e di animali marini si doma, ed è stata domata dalla razza umana;
8. ma la lingua, nessun uomo la può domare; è un male senza posa, è piena di mortifero veleno.
9. Con essa benediciamo il Signore e Padre; e con essa malediciamo gli uomini che son fatti a somiglianza di Dio.
10. Dalla medesima bocca procede benedizione e maledizione.
Giacomo (3 2-10)


Sì... La lingua è il membro decisivo: La morte e la vita sono in potere della lingua.

Quanto vale la tua vita ?

Quanto vale la tua vita ?

Ti sei mai chiesto che valore ha la tua vita?
Forse sei importante per la tua famiglia?
Allora qual'è il tuo valore?
Il tuo reddito?
Pensi di essere qualcuno, perché sei nato in  europa o  occidente?
Perché sei ricco e non devi temere cosa mangiare domani?
Pensi di essere qualcuno perché hai studiato e ti sei laureato ?
Perché ora fai avvocato o dottore, ma tu come uomo chi sei ?
Sei ricco?
Ma hai veramente qualcuno che ti ama?
Non per i tuoi soldi?
Qualcuno che ti ama al punto di essere disposto a sacrificarsi?
A rischiare la vita per te?
Qualcuno che darebbe tutto per te?
Dimmi chi darebbe la propria vita per te ?
Chi farebbe un sacrificio per te così grande ?
Chi  chi al mondo sarebbe pronto anche morire per te ?
Chi  ti ama così tanto per fare tutto - tutto per te

Ti dico: C'È QUALCUNO!
Questo qualcuno si chiama GESÙ CRISTO!
Lui ha dato la sua vita per TE!
Egli ti ama così tanto che ha dato la Sua vita per te morendo sulla croce!
Tu eri condannato a motivo del tuo peccato e Lui ha preso su di sé la tua pena.
Perché TI AMA!
Anche se non hai importanza per nessuno, per LUI sei molto importante!
Devi conoscerlo!!

 "Poiché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque esercita fede in lui non sia distrutto ma abbia vita eterna." (Giovanni 3:16 )

-Questo sta a dimostrare che l’amore che Dio ha manifestato verso il mondo
Uomo o donna che tu sia, rifletti all’amore grande che Dio ha manifestato anche verso di te offrendo il suo Unico Figlio per la tua salvezza, rifletti a che cosa è stato pronto a fare l’Iddio che ha creato tutte le cose per amore delle sue creature ribelli. Rifletti e credi ora col tuo cuore nel suo Figliuolo per ricevere dalla sua mano la vita eterna. Non indurire il tuo cuore all’ascolto della voce di Dio, ma aprilo all’amore della verità che è in Cristo Gesù per essere salvato/a

(dal web)

06/04/12

Credere...

- L 'unico uomo sopravvissuto ad un naufragio arrivò sulla spiaggia di una piccola e disabitata isola. Chiese fervidamente a Dio aiuto ed ogni giorno scrutava l orizzonte, ma nessuno arrivava. Ormai stanco, pensò di costruire una capanna di legno per proteggersi dalla pioggia e ci mise dentro tutto quello che gli era rimasto.
Un giorno, mentre vagabondava per l isola alla ricerca di cibo, ritornò alla capanna e la trovò avvolta dalle fiamme, col fumo che saliva fino al cielo. La cosa peggiore che era successo è che aveva perso tutto. Rimase tanto stupito, triste ed arrabbiato.
"Dio, come hai potuto farmi questo?" si lamentò.
Tuttavia il giorno dopo fu svegliato dal suono di una nave che si avvicinava all isola. Erano venuti a salvarlo!
"Come sapevate che ero qui?" domandò l uomo ai suoi salvatori!
"Abbiamo visto il suo segnale di fumo!" gli risposero!

È facile scoraggiarsi quando le cose vanno male, ma Dio lavora nelle nostre vite nonostante il dolore e la sofferenza.

-Ricorda la prossima volta che la tua capanna prende fuoco, può essere il segno che la grazia di Dio ti viene in aiuto!

04/04/12

L'amicizia...

È un valore davvero importante nell'esistenza umana. 
Se io non avessi vicino a me alcune persone a cui voglio un bene infinito, sarei una persona incompleta. 
Per cui anche se all'inizio ci può essere diffidenza, ritrosia, è meglio in ogni caso iniziare a coltivare la persona che hai davanti, perché solamente il tempo può dirti se è davvero AMICIZIA! 
-Penso sia davvero il valore aggiunto della vita. L'amicizia è la cosa migliore che ti possa capitare! 

03/04/12

Il regno dei cieli


Credo che non ci sia niente di più prezioso al mondo, che la certezza della salvezza dell'anima.
Non era, non è, e non sarà facile combattere la buona battaglia e mantenere la fede.
Ma che cosa dobbiamo fare per avere  per conquistare e mantenere la nostra SALVEZZA?
-  Dobbiamo ascoltare,  non solo con attenzione, ma anche con intelligenza, alla quale dobbiamo obbedire, (Ubbidire significa mettere in pratica ciò che è stato scritto)
Dobbiamo fare quello che Gesù ci dice, senza brontolare, ma con gioia, come facendolo a Dio stesso. Ubbidire va anche visto in relazione alla condotta che dobbiamo avere tra le persone, tra i nostri familiari.
«Signore, aiutaci affinché possiamo attuare quello che tu ci dici!»
 L’ubbidienza deve essere concreta, dobbiamo non solo ascoltare, ma agire. Ovviamente l’ubbidienza ha un costo.
Davide diceva:
«Mi sono affrettato a fare le cose che tu mi comandi.»
Se noi rifiutiamo l’ordine divino, siamo un pò in pericolo, pertanto non indugiare, ma dobbiamo ubbidire
Qualsiasi sacrificio, ne vale la pena, e so con certezza che vale la pena combattere per mantenerla.

Ricordiamoci anche che l’ubbidienza ci porta una grande benedizione,  infatti Dio riserva una ricompensa, sulla terra e tesori del cielo...
Ascoltare la Parola senza metterla in pratica, non produce niente.

Questa certezza  è qualcosa di meravigliososi può considerare un tesoro dal valore inestimabile, e il regno dei cieli è il tesoro  incommensurabile, è una perla di inestimabile valore!

Gesù disse alla folla: «Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo. Il regno dei cieli è simile a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra»
(Mt 13,44-46).

Gesù ci dice: «Io vengo presto; tieni fermamente quello che hai, perché nessuno ti tolga la tua corona» (Apocalisse 3:11).

Gesù ci dice anche: «Sii fedele fino alla morte ed io ti darò la corona della vita» (Apocalisse 2:10)

01/04/12

Seguire Gesù:

Seguire Gesù:
- Significa camminare contro corrente, in direzione opposta al mondo.

- Significa amare gratuitamente, senza avere nulla in contraccambio.

- Significa invitare chi rimane spesso fuori dalla porta, inascoltato, non ricevuto, chi nessuno degna di uno sguardo, colui che è spesso rifiutato...

Seguire Gesù:
- Significa perdonare sempre, amare il prossimo.

- Significa vivere aperti al mistero di Dio e restare fedeli anche nel caso che la fedeltà dovesse metterci sulla via della morte.

Gesù va contro una mentalità opportunista, fatta di privilegi e regali. 
Al suo banchetto potremmo partecipare se ci riconosciamo creature imperfette, bisognose, che si presentano a Dio anche se a mani vuote, riconoscendo a Lui il primato della sua Signoria in noi.

.

.