28/09/12

Testimonianza - IURD

Il Signore e la mia forza



-Ecco, Dio è la mia salvezza; io confiderò, non temerò mai, perché mia forza e mio canto è il Signore; egli è stato la mia salvezza. (Isaia 12,2. )

-Perché il Signore vostro Dio cammina con voi per combattere per voi contro i vostri nemici e per salvarvi. (Deuteronomio 20, 4 )

-Sii forte, fatti animo, e mettiti all'opera; non temere, non ti sgomentare; poiché l'Eterno Dio, il mio Dio, sarà con te; egli non ti lascerà e non ti abbandonerà fino a tanto che tutta l’opera per il servizio della casa dell’Eterno sia compiuta. 1 Cronache 28, 20 -

-Con lui è un braccio di carne; con noi è l’Eterno, il nostro Dio, per aiutarci e combattere le nostre battaglie’. 2 Cronache 32, 8

-Dalla bocca de’ fanciulli e de’ lattanti tu hai tratto una forza, per cagione de’ tuoi nemici, per ridurre al silenzio l’avversario e il vendicatore. (Salmi 8, 2 )

-Con te io assalgo tutta una schiera e col mio Dio salgo sulle mura. egli è lo scudo di tutti quelli che sperano in lui. Il Dio che mi cinge di forza e rende la mia via perfetta? Salmi 18, 29, 30, 32

-Salmi 20:7 Gli uni confidano in carri, e gli altri in cavalli; ma noi ricorderemo il nome dell’Eterno, del Dio nostro.

-Ah! se non avessi avuto fede di veder la bontà dell’Eterno sulla terra de’ viventi!... Spera nell'Eterno! Sii forte, il tuo cuore si rinfranchi, sì, spera nell'Eterno! Salmi 27, 13, 14

-L’Eterno è la mia forza ed il mio scudo; in lui s’è confidato il mio cuore, e sono stato soccorso; perciò il mio cuore festeggia, ed io lo celebrerò col mio cantico. L’Eterno è la forza del suo popolo; egli è un baluardo di salvezza per il suo unto. Salmi 28. 7, 8

-Ma la salvezza dei giusti procede dall'Eterno; egli è la loro fortezza nel tempo della distretta. Salmi 37:39

-La mia carne e il mio cuore possono venir meno, ma Dio è la rocca del mio cuore e la mia parte in eterno.  (Salmi 73:26 )

-Beati quelli che hanno in te la loro forza, che hanno il cuore alle vie del Santuario!  (Salmi 84. 5, 7 )

26/09/12

el socorro



Gesù  non ti abbandona a te stesso, nei momenti più duri, neanche quando sembra tutto perduto...

Dio dice a Giosuè: «Non ti ho comandato, Sii forte e coraggioso? e coraggioso, non scoraggiatevi, perché il Signore tuo Dio è con voi ovunque andiate». (Giosuè 1:9.)

Grande tu sei - Rosa Battista - How great thou art - Grandioso es tu - D...

Per sempre ti adorerò - Rosa Battista



Lodato sia il Signore, mio Dio... Ti sono grata mio Signore, compagno fedele, rifugio sicuro e fonte d'Amore.
Signore Gesù, sei la mia vita, e ti amo con tutto il mio cuore.

25/09/12

Clasificacion de los dones del Espíritu Santo | Arca Universal Argentina

Clasificacion de los dones del Espíritu Santo | Arca Universal Argentina

Para que podamos entender mejor la aplicación de los dones del Espíritu Santo en la Obra de Dios, como herramientas esenciales, necesitamos clasificarlos del siguiente modo:

a) Dones de Revelación:
• Palabra de conocimento
• Palabra de sabiduría
• Discernimiento de espíritus

b) Dones de Poder:
• Dones de cura
• Realización de milagros
• Fe

c) Dones de Inspiración:
• Variedad de lenguas
• Capacidad de interpretación
• Profecía

La palabra de conocimento:

En cierta ocasión, el Señor Jesús exclamó: “… Te alabo, Padre, Señor del cielo y de la tierra, porque escondiste estas cosas de los sabios y de los entendidos, y las revelaste a los niños. Sí, Padre, porque así te agradó.” Mateo 11:25, 26

Está claro que el conocimiento en este mundo se está acelerando de forma fantástica, porque los inteligentes y versados nunca están plenamente satisfechos, pero, aún así, el éxito de ellos ha sido muy notorio, tanto para el bien, como para el mal de la humanidad. Esa inteligencia y sabiduría ciertamente son propias de la desobediencia del hombre a Dios en el Jardín del Edén, cuando el Señor determinó: “… De todo árbol del huerto podrás comer; mas del árbol de la ciencia del bien y del mal no comerás; porque el día que de él comieres, ciertamente morirás.” Génesis 2:16, 17

Dios no tiene la culpa si la humanidad se está autodestruyendo por el mal uso de su propio conocimiento. Incluso, hay un conocimiento que está por encima de todo lo que existe en este mundo: el conocimiento de la voluntad de Dios para el hombre; y esto solo es posible para aquellos que permiten ser usados por el Espíritu Santo. Entonces, ese don es concedido a cada uno, de acuerdo con la necesidad. Puede ser usado tanto para revelar aspectos buenos, como para desenmascarar a los enemigos de Dios.

Vea que este don, como cualquier otro, jamás será una herramienta para uso y provecho propio, sino siempre con miras a un fin provechoso. Como ejemplo, tenemos al propio Señor Jesús que, por la palabra de conocimiento sabía que Natanael estaba debajo de la higuera, y que era un hombre bueno y sincero delante de Dios.

¿Quién había dado al Señor este conocimiento sino el propio Espíritu Santo? Podemos verificar que esa revelación no fue usada para que el Señor probase Su divinidad a Natanael, sino para que se convirtiese en un ciudadano más del Reino de Dios.

En otra ocasión, el apóstol Pedro también fue usado con la misma palabra de conocimiento para revelar la hipocresía de Ananías y Safira, y así evitar que la iglesia cristiana primitiva se involucrase en los mismos errores del judaísmo, cuando dijo: “Y dijo Pedro: Ananías, ¿por qué llenó Satanás tu corazón para que mintieses al Espíritu Santo, y sustrajeses del precio de la heredad? Reteniéndola, ¿no se te quedaba a ti? y vendida, ¿no estaba en tu poder? ¿Por qué pusiste esto en tu corazón? No has mentido a los hombres, sino a Dios.” - Hechos 5:3, 4

testimonianze - IURD

12 Tenors - You Raise Me Up

Entre a Fé e a Razão (Abraão & Isaac)

MUSICA FOGUEIRA SANTA NA FÉ DE ABRAÃO (IURD TV)

Salmo 51 por Leonor

24/09/12

Gesù è morto anche per te

Santo Culto: Domingo 16/09/12

RESUCITAME (EN ESPAÑOL) ALINE BARROS

Primeiro Amor - IURD

Awareness of the sheep


Awareness of the sheep 

The animal most ignorant that there is a sheep. If you put it to the meter of the fold, she did not know back. She will not find the way back, and worse, will be unaware that you are lost.

How to save a lost, if he is not aware of your state?
How do you fall on you?

After World War II, Germany was destroyed. The economy, governmental organization, was a mess! People were lost, and were aware of this.

An old pastor, set up a tent in the middle of the square of the old city. Such was the crowding of people, many could not even get near the tent. At the time of the appeal, many accepted Jesus with tears in his eyes. Many thought: 'I have to lose?'

Years later the German wits, made a lot of things changed there. The economy has stabilized. In southern Germany, each inhabitant had two volkswagen. The people found in material things. Many churches have emptied, and the appeal was not so matched as before.

One day, five visitors came to that church, had their own cars, and a stable life. The pastor preached about the lost sheep. He talked about the need for salvation. He sang a beautiful hymn, which spoke of Jesus, God's offer of the world to save sinners. At the time of appeal, none of the five match. They said, 'No thanks, do not need it there.'

At the conclusion of the service, entered his car to return to their home. A big snowstorm had fallen throughout the day. The visibility was very bad, the slip road. In passing on a train line, did not realize that the light was red. There, that night those five souls departed for eternity!

The question is: Those people were lost there, on the train line?
The answer is no. There in worship with the pastor, were lost, but were unaware of it!

This is characteristic of the sheep - to be lost and have no conscience!

Jesus said he came to save the lost sheep of Israel. As can be lost inside their own home?

The chapter fifteen of Luke gives us the example of three things lost in the household:
The sheep, the drachma and a son.

All had one thing in common: a home.

In the case of the prodigal son, he found himself lost. The term the Bible uses is 'came to himself,' it was as if he could see the distance. Look for yourself.

The son was lost because sin offered him a lot, and gave him almost nothing. The devil is therefore proposed lot and gives nothing. The devil could never put a perfume of a rose, or brightness in a star, or a smiling child. Instead, strip the brightness, the fragrance and the smile of the lost.

In the house of Israel was the best: The faith of Abraham, Isaac and Jacob had the Laws of Moses. It was the home of Isaiah, Jeremiah and Daniel. They had the Temple. However, there were those who were lost, and most did not know it!

The religious heritage, was not enough to 'find' those who were lost. Wealth is not either!

Jesus is the Good Shepherd, and is looking for his lost sheep. Some are conscious of their state, others do not. Some in the world, others within your home!

Let us pray that the sheep hear the voice of the Good Shepherd, and so be saved from themselves!

Ano ang baptism in fire?

22/09/12

Вечер спасения: 90 псалом



Salmo di protezione  91
1] Tu che abiti al riparo dell'Altissimo
e dimori all'ombra dell'Onnipotente,

[2] dì al Signore: "Mio rifugio e mia fortezza,
mio Dio, in cui confido".

[3] Egli ti libererà dal laccio del cacciatore,
dalla peste che distrugge.
[4] Ti coprirà con le sue penne
sotto le sue ali troverai rifugio.

[5] La sua fedeltà ti sarà scudo e corazza;
non temerai i terrori della notte
né la freccia che vola di giorno,

[6] la peste che vaga nelle tenebre,
lo sterminio che devasta a mezzogiorno.

[7] Mille cadranno al tuo fianco
e diecimila alla tua destra;
ma nulla ti potrà colpire.

[8] Solo che tu guardi, con i tuoi occhi
vedrai il castigo degli empi.

[9] Poiché tuo rifugio è il Signore
e hai fatto dell'Altissimo la tua dimora,

[10] non ti potrà colpire la sventura,
nessun colpo cadrà sulla tua tenda.

[11] Egli darà ordine ai suoi angeli
di custodirti in tutti i tuoi passi.

[12] Sulle loro mani ti porteranno
perché non inciampi nella pietra il tuo piede.

[13] Camminerai su aspidi e vipere,
schiaccerai leoni e draghi.

[14] Lo salverò, perché a me si è affidato;
lo esalterò, perché ha conosciuto il mio nome.

[15] Mi invocherà e gli darò risposta;
presso di lui sarò nella sventura,
lo salverò e lo renderò glorioso.

[16] Lo sazierò di lunghi giorni
e gli mostrerò la mia salvezza.

-* Dio protegge tutti quelli che confidano in Lui.

El fruto del Espíritu Santo: Dominio proprio | Arca Universal Argentina

El fruto del Espíritu Santo: Dominio proprio | Arca Universal Argentina

El fruto del Espíritu Santo: Dominio proprio
El cristiano necesita estar con su conciencia limpia y purificada de todo sentimiento maligno, con el fin de ser apto espiritualmente para luchar y vencer por la fe en el Señor Jesús.

Para tener una visión de la grandeza de esta cualidad, basta analizar lo que el Espíritu Santo dijo a través de Salomón: “Mejor es el que tarda en airarse que el fuerte; y el que se enseñorea de su espíritu, que el que toma una ciudad.” Proverbios 16:32

“Como ciudad derribada y sin muro es el hombre cuyo espíritu no tiene rienda.” Proverbios 25:28

De hecho, ¿de qué sirve tener una fe firme, capaz de mover montañas, resucitar muertos, curar enfermos, expulsar demonios, si no conseguimos controlar los impulsos de nuestra voluntad carnal?

Porque, en realidad, el seguidor del Señor Jesucristo vive en constante conflicto contra las huestes espirituales del mal. Su lucha no es contra carne y sangre sino: “… contra principados, contra potestades, contra los gobernadores de las tinieblas de este siglo, contra huestes espirituales de maldad en las regiones celestes.” Efesios 6:12

El cristiano necesita estar con su conciencia limpia y purificada de todo sentimiento maligno, con el fin de ser apto espiritualmente para luchar y vencer por la fe en el Señor Jesús. Si su “carne”, es decir, sus concupiscencias, sus deseos carnales son incontrolables, entonces, ¿cómo podrá usar la armadura de Dios para alcanzar el éxito?

Es ahí que se hace necesario el dominio propio. La Palabra de Dios nos exhorta, diciendo: “… andad en el Espíritu, y no satisfagáis los deseos de la carne. Porque el deseo de la carne es contra el Espíritu, y el del Espíritu es contra la carne; y éstos se oponen entre sí, para que no hagáis lo que quisiereis.” Gálatas 5:16, 17

Nosotros, los cristianos, vivimos en un mundo profundamente hostil, porque pertenecemos al Reino de Dios pero vivimos en el reino del diablo. En consecuencia, se produce una verdadera batalla entre aquellos que pertenecen a la luz y aquellos que son poseídos por las tinieblas. ¿Qué ha ocurrido? Los no cristianos, es decir, aquellos que están poseídos por las tinieblas y por eso mismo, guiados por ellas, siempre articulan provocaciones con el intento de que reaccionemos según nuestra carne, para que ellos puedan probarse a sí mismos y, por encima de todo, a nosotros que, en el fondo, somos todos iguales, pertenecemos al mismo mundo y que no sirve de nada nuestra fe.

Infelizmente, algunas veces han tenido éxito, exactamente porque ha habido por parte de muchos de nosotros, cristianos, omisión del dominio propio. El Señor Jesús nos advierte que: “… si vuestra justicia no fuere mayor que la de los escribas y fariseos, no entraréis en el reino de los cielos.”, (Mateo 5:20).

Es imperiosa la necesidad de mantener el dominio propio, incluso delante de todas las provocaciones, con el fin de que por nuestra conducta ejemplar las personas puedan ver al Señor a través de nosotros. Así también evitamos bajar al nivel de aquellos que se encuentran en las tinieblas.

La gracia del dominio propio no es menos importante que las demás, pues ella da un sentimiento genuinamente cristiano, un autocontrol ante los impulsos de la carne que nos conducen a la muerte. Todo cristiano necesita de templanza, autodisciplina para representar a su Señor aquí en este mundo: “… vosotros también, poniendo toda diligencia por esto mismo, añadid a vuestra fe virtud; a la virtud, conocimiento; al conocimiento, dominio propio; al dominio propio, paciencia; a la paciencia, piedad; a la piedad, afecto fraternal; y al afecto

fraternal, amor. Porque si estas cosas están en vosotros, y abundan, no os dejarán estar ociosos ni sin fruto en cuanto al conocimiento de nuestro Señor Jesucristo. Pero el que no tiene estas cosas tiene la vista muy corta; es ciego, habiendo olvidado la purificación de sus antiguos pecados. Por lo cual, hermanos, tanto más procurad hacer firme vuestra vocación y elección; porque haciendo estas cosas, no caeréis jamás. Porque de esta manera os será otorgada amplia y generosa entrada en el reino eterno de nuestro Señor y Salvador Jesucristo.” 2 Pedro 1:5?11

http://www.arcauniversal.com.ar/el-fruto-del-espiritu-santo-dominio-proprio.html

Fede


LA VERA FELICITA'


LA VERA FELICITA'

Salire sull’altare, scambiarsi le fedi e passare una vita in due completa.
Questo è il desiderio di tante coppie, una cerimonia che segna la storia della vita sentimentale.
I fidanzati, entrano dall’ingresso principale della chiesa per sposarsi, in quel momento, si costituisce una nuova famiglia e la benedizione di un unione felice comincia a fare parte del matrimonio.
“ Due valgono più di uno solo, perchè sono ben ricompensati della loro fatica. Infatti se uno cade, l’altro rialza il suo compagno, ma guai a chi è solo e cade senza avere un altro che lo rialzi! Così pure, se due dormono assieme, si riscaldano; ma chi è solo come farà a riscaldarsi? Se uno tenta di sopraffare chi è solo, due gli terranno testa; una corda a tre capi non si rompe così presto.”
(Ec. 4: 9,12)

SE VUOI ESSERE FELICE NELLA VITA SENTIMENTALE VIENI PARTECIPARE OGGI DELLA TERAPIA DELL'AMORE ALLE ORE 19:00 MILANO - VIA PADOVA 68 / ROMA VIALE DI PORTA TIBURTINA 20

20/09/12

Momenti in Italia 18.09

Lasciarsi influenzare dagli altri.


Lasciarsi influenzare dagli altri.

Per tre volte consecutive, il Signore ordinò a Giosuè di essere forte e coraggioso. Giosuè 1
Dio non fa società con i deboli e i codardi.
La conquista della Terra Promessa esigeva fermezza di carattere e determinazione.
E non è così che si possiede il Regno dei Cieli?
Gesù insegna che si ottiene con la violenza, e soltanto i violenti lo possederanno. Matteo 11.12
I sentimenti religiosi sono le armi dei deboli, poiché quale guerriero osa andare in guerra con un violino a tracolla?
La conquista delle promesse Divine esige la stessa ostinazione che anche la salvezza dell’anima richiede.
Dio aveva scelto Abraamo perché sapeva che tra il sentire la Sua Voce  e sentire quella del suo cuore, lui non avrebbe esitato ad obbedirgli.
Ora, era la volta di Giosuè.“Sii forte e coraggioso, perché tu metterai questo popolo in possesso del paese…” Giosuè 1.6
Dio è spirito, non anima. Per questo, nel rapporto con Lui, non valgono i sentimenti dell’anima (cuore).
Lui conta sulla gente che ragiona e che decide di ascoltare e praticare la Sua Parola.
Non è facile.  Non è facile, perché questo esige un confronto con i richiami dei sentimenti dell’anima.
Per questo, Egli conta soltanto sui forti e coraggiosi.
Gente che è abituata ad usare l’intelligenza invece del cuore.
Gente disposta a rischiare il suo tutto per il Tutto di Dio.
Deve essere definito nella fede, determinato in ciò che vuole e ostinato nel suo ideale.
Questo significa essere forte.
Il coraggio ci porta a mantenere il primo posto davanti alla battaglia, indipendentemente dalle circostanze.
Questa è perseveranza.
Dio non conta sulle persone che si lasciano influenzare dagli altri.
 (Vescovo Macedo)

19/09/12

Testimonianza

“Ero viziato nell’alcool e nel tabacco già da un po’ di anni. A causa di una tristezza che avevo dentro di me, cercavo di riempire questo vuoto con i vizi. Dopo aver conosciuto il Centro d’Aiuto sono stato liberato completamente da tutti i vizi, e il vuoto che avevo è stato riempito dalla presenza dello Spirito Santo.”
-Ricardo




Testimonianza
Sérgio: “Quando ho conosciuto il Centro d’Aiuto, avevo problemi nella mia vita sentimentale, arrivando anche alla separazione. Ho impiegato quattro anni per liberarmi e in quel periodo stavo da solo. Poi ho cominciato a chiedere a Dio di mostrarmi se c’era qualcuno per me dentro la chiesa ed è stato lì che ho conosciuto Guida. Per due anni e mezzo ho lottato per lei, ho partecipato a varie catene, non ho mai perso una terapia dell’amore, ho fatto vari fuochi santi.”
Guida: “Per 14 anni sono stata sposata,abbandonata e tradita. Sono andata al Centro d’Aiuto per questa situazione e anche perché avevo gravi problemi spirituali,in quanto sono stata vittima di stregoneria. Ho messo al primo posto la mia vita spirituale e al secondo quella sentimentale. Per questo non avevo occhi per Sergio, io andavo in chiesa per fare la mia parte con Dio e non ne volevo sapere della vita sentimentale. In fondo volevo trovare la mia felicità, ma a causa della sofferenza che avevo passato non ci credevo più, avevo paura di una nuova relazione.
Ma la risposta di Dio arrivò e mi ha modellata per lui. Oggi siamo sposati e felici.”
-Sérgio e Guida


Momenti in Italia 12.09



"Presentate la vostra causa, dice l'Eterno, esponete le vostre ragioni, dice il Re di Giacobbe." Isaia 41.21
Questo è il nostro Dio, Giusto e Vero, Il quale vuole fare la indifferenza nella nostra vita, mostrando così tramite noi, che Lui è Il Dio della DIFFERENZA. Ma, questo succede solo con la partecipazione dell’ essere umano. Affinché la differenza accada nella nostra vita è indispensabile, che presentiamo a Lui tanto la nostra causa – ingiustizie nella nostra vita (problemi non superati, obiettivi non raggiunti), come anche le nostre ragioni – ciò che ci giustifica (la fede intelligente materializzata tramite le attitudini, offerte, azioni). Molti presentano anche le loro cause – ingiustizie a Dio, solo che ancora non hanno visto nessuna differenza nella loro vita, perché? Perché oltre alle cause, io devo presentare le mie ragioni, ciò che mi fa diventare meritevole della giustizia che è l’azione della mia fede. Quel che muove Dio a Fare la Differenza nella mia vita, è che io presenti la mia fede – la consegna totale della mia vita, rappresentata anche dalla mia offerta della differenza, questa è la RAGIONE per la quale, molti non vedono la differenza. Ciò che il Re di Giacobbe, Vuole e Farà, è la differenza nella nostra vita e sarà subito, adesso.

Per quale RAGIONE, Dio deve rispondere alle tue CAUSE?
1. Perché tu sai quali sono i tuoi diritti,
2. Perché tu sei giustificato per la fede,
3. Perché Dio vuole essere Glorificato attraverso delle nostre vittorie.
( Vescovo Wagner.)

Força e Coragem - Palavra Amiga - 18/09/2012

Testimonianza

IURD- Un gesto d’amore e solidarietà.

Racconto: I due cane


Racconto: I due cane 

«In un grande giardino vivevano due cani. Uno si chiamava “inesperto” e l’altro “inganno”. Il cane “inesperto” aveva l’abitudine di fare delle buche da cui passava il cane “inganno” per maltrattare il cane “inesperto”.
A causa di quelle buche la siepe che li divideva non serviva più a nulla e ogni giorno il cane “inesperto” riportava delle ferite.
Un giorno un amico di “inesperto”, di nome “conoscenza”, gli suggerì di non fare più delle buche perché in questo modo il cane “inganno” non gli avrebbe fatto più alcun male.
E così fu.
Tutto felice il cane “inesperto” scodinzolava e correva qua e là; ad un certo punto, però, sentì abbaiare forte e minaccioso il cane “inganno” ed ebbe subito l’impressione che il suo oppositore fosse di nuovo entrato nel suo recinto e, allo stesso tempo, avvertì che le ferite gli facevano nuovamente male.
Ebbe la sensazione di essere ancora prigioniero.
Da allora al cane “inganno” bastava abbaiare in modo forte e deciso perché il cane “inesperto” ritornasse a sentire il bruciore delle sue ferite e ad avvertire tutta la sua incapacità di reagire.
Le giornate erano diventate un tormento, le belle giornate le aveva trascorse nella sua cuccia, lo scodinzolare festante era diventato solo un ricordo lontano.
Passò di là l’amico di nome “conoscenza” e, vedendo la scena, chiamò il cane “inesperto” e gli disse: «ti ho insegnato come essere libero dalla schiavitù del cane “inganno”, adesso non ti “auto-ingannare”, sei stato liberato! ».
Prese con sé il cane “inesperto” e passeggiarono assieme lungo tutto il giardino, in questo modo gli mostrò che il dolore era solo il frutto di un “inganno”.

Erano i suoi stessi pensieri che lo rendevano infelice».
Questa metafora vuole semplificare una grande verità.
Cristo sulla croce ci ha redenti e liberati dal peccato e dall’inganno; ci ha donato ogni benedizione nei luoghi celesti e ci ha resi più che vincitori; ha messo una siepe intorno ai suoi figli per proteggerli, ora spetta a noi non scavare buche  ( cuore) che permettono alle tenebre  di farci del male..
Dopo essere stati liberati bisogna guarire dalle ferite che abbiamo riportato per molto tempo, le ferite non sono più la nostra schiavitù ma sono i modi di pensare che abbiamo accumulato nei momenti di solitudine e dolore quando non c’era nessuno che poteva aiutarci; a volte esse si trasformano in fortezze o in pensieri che guardano al passato, basta qualcosa che “abbai” per essere spinti a pensare di essere ancora schiavi, o a pensare che nulla è successo nella nostra vita, o, peggio ancora, ci rende pronti ad additare qualcuno per le nostre ferite.
Se solo contemplassimo le ricchezze profonde che abbiamo e la nostra posizione in Cristo saremmo veramente il popolo del gaudio, del giubilo e di una gioia senza precedenti.
A proposito, il cane “inesperto” divenne nel tempo un cane “coraggioso e saggio”.
(Dal web)


14/09/12

Santo Culto: Domingo 09/09/12

SAPERE O SENTIRE (Vescovo Edir Macedo )


SAPERE O SENTIRE

Cosa c’è in comune tra il cuore e il diavolo? Tutte e due sono ingannatori e perversi. “ Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa e insanabilmente malato; chi lo può conoscere? 
Geremia 17.9  Gesù parla de cuore come una fonte di cattivi pensieri: “Poiché dal cuore provengono pensieri malvagi, omicidi, adultèri, fornicazioni, furti, false testimonianze, maldicenze.” Matteo 15.19, Paulo tratta le opere della carne come pensieri del cuore. “Ora le opere della carne sono manifeste e sono: adulterio, fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, magia, inimicizie, contese, gelosie, ire, risse, divisioni, sette, invidie, omicidi, ubriachezze, ghiottonerie e cose simili a queste, circa le quali vi prevengo, come vi ho già detto prima, che coloro che fanno tali cose non erediteranno il regno di Dio.” Galati 5.19-21 Pertanto, cuore e carne sono le stesse. Possiamo dire che i nati della carne e i nati dal cuore sono gli stessi. I nati dal cuore sono stati generati dall’emozione come i nati dalla carne sono stati generati dal sentimento. A questo tipo di “cristiano” gli piacciono messaggi con forti appelli di sentimento. Gli piacciono le lusinghe del pastore. Gli piace apparire, elogiarsi, i riconoscimenti e lodi. Con la mancanza di queste cose, il cuore fervoroso si rattrista e a volte abbandona la fede… I nati dalla carne sono pura emozione. Nella chiesa si sentono bene, ma fuori di essa sono freddi. Vivono di quello che sentono. Per questo, non riescono a vincere se stessi e molto meno il mondo. Sono stati ingannati dalla fede che viene dal cuore. Il tempo finisce per mostrargli la sua frustrazione. Ciò che guida la sua fede sono i sentimenti e non la Bibbia. La sua fede nasce dal cuore ed è avvolta dai sentimenti. La, si è creata e continua ad alimentarsi. Consigli emotivi, musica emotiva, riunioni emotive, lodi rigate da emozioni, infine, la sua fede è un puro frutto dei sentimenti. Solo schiuma. Non è in grado di obbedire alla Parola di Dio, affrontare afflizioni, tribolazioni e le provocazioni del deserto. Questo tipo di fede non ha il coraggio di sostenere la spada e difendersi. Prima, difende la denominazione, il pastore ma mai in quello che crede. La sua codardia accetta qualsiasi cosa. Tranne che lottare. Accetta anche di allearsi con il diavolo pur di non doverlo affrontare. La fede del cuore è come un cosmetico. Si scioglie davanti al calore della guerra. Copre l’orecchie al suono della tromba e fugge dal grido di guerra. Come potrebbe lo Spirito di Dio contare su questo tipo di persone? Religione e religiosi sono così. Coscienti o incoscienti, lavorano a braccetto con il diavolo. Molta gente sostenta la fede riscaldandola con la coperta dell’emozioni; altre, con la freddezza della tradizione. Ma ci sono anche quelli che non puzzano ne odorano, sono tiepidi. Tuttavia, contrariando le sensazioni della fede religiosa, sorge la fede intelligente. Fede che pensa, pesa, medita e valuta. Questa fede crede che Dio non può mentire ne revocare ciò che ha promesso. Che Lui farà esattamente ciò che ha promesso. Tale qualità di fede non considera le circostanze, non guarda indietro, ne ai lati. Va sempre avanti, costi quel che costi. Come esempio, l’apostolo Paolo usava la fede intelligente combinata con i pensieri di Dio. e ha lasciato un prezioso consiglio: “…ma faccio una cosa: dimenticando le cose che stanno dietro e protendendomi verso le cose che stanno davanti, proseguo il corso verso la mèta, verso il premio della suprema vocazione di Dio in Cristo Gesù.” Filippesi 3.13-14 E Timoteo, disse: “…perché so in chi ho creduto, e sono persuaso che egli è capace di custodire il mio deposito fino a quel giorno. … .” 2 Timoteo 1.12 Lui sapeva e non sentiva in Chi credeva. E tu lettore? 
Sai (intelletto) o senti (cuore) in cosa stai credendo?
 (Vescovo Edir Macedo )


13/09/12

Santo Culto, Bispo Macedo - Quarta-feira 12/09/12

il rancore



"Trattenere il rancore è come tenere in mano un carbone ardente
con l'intento di gettarlo a qualcun altro: Ma sei tu quello che viene bruciato"

Dove sarà la tua anima?



La morte arriva per tutti,  non si sa quando, ma arriva
Ma il problema è: Dove sarà la tua anima?

Testo: Motivo della mia vita (Vescovo Marcelo Crivella)



Testo: Motivo della mia vita (Vescovo Marcelo Crivella)

Motivo della mia vita,
mia esistenza,
inizio, metà, e fine di tutti i miei sogni.

Forza della fede che palpita nel mio cuore,
Pensare nel tuo amore è la mia ispirazione.

Tu sei la luce dell'alba di un mattino senza nuvole,
Lo splendore dopo la pioggia, che fiorisce a terra.
Il sole all'orizzonte,
La pace della sera,
Silenzio acquieta la notte, e mi fa addormentare.

Signore Gesù, mio salvatore,
Tuo Spirito mi ha mostrato il tuo immenso amore.
Le ore lì, sulla croce, da solo, in mezzo al dolore,
Il tuo Sangue mi ha salvato, un miserabile peccatore.

Per un attimo ho potuto vedere,
Ho perso le forze,
Non so cosa dire,
Ooh, vorrei poter trovare una parola
In grado di esprimere quello che sento, e ringraziare.

Signore Gesù, mio salvatore,
La mia vita nel Tuo Altare, completa a tua disposizione,
Non trovo  in questo mondo, ragione per vivere
se necessario, io consegno tutto,
solo non posso perderTi.

ABC - Caminata Pino Suarez - Santo Domingo



IURD- Aiuta i senzatetto. (Pino Suarez- Messico)
i volontari hanno portato  cibo, vestiti,  e la parola di Dio

12/09/12

Angels of the Night

La Perla

Le choix


LE CHOIX
Si la parole de DIEU est vivante, active alors la vie que nous menons doit être de même.
Genèse 1.26-27
Quand nous lisons ce passage, nous nous voyons l’image de DIEU même dans sa création, dans ses oeuvres. Mais aujourd’hui, quelle image voyez vous en regardant l’être humain?
Nous comprenons bien qu’au commencement, nous humain, nous dominions sur toute la terre, les animaux sur tout, ainsi était la parole de DIEU. Cependant aujourd’hui c’est le contraire, nous sommes dominés, l’argent nous domine, les préoccupations, la vie sentimentale, le travail, de l’apparence.
Voyez cet exemple : Un oiseau est né « habillé », il ne se préoccupe pas de la mode, il ne va pas au marché, il cherche et trouve à manger, il n’a pas besoin d’argent, il n’a pas besoin d’étudier,  quand il immigre il connait son chemin naturellement, car il n’a pas péché contre DIEU.  Donc ils ne dépendent de rien juste de DIEU.
Nous, on a besoin de tout et on dépend de tout, nous avons tout perdu et on continue de perdre car le monde est de pire en pire.
Genèse 2.15-17
Il y a des choses que nous pouvons faire et d’autres non, cela fait parti des règles que DIEU. Malheureusement le péché se présente très facilement et les tentations sont de plus en plus nombreuses. Le plus révoltant c’est que nous pouvons encore dominez mais nous tombons facilement comme avec le doute qui est la foi du malin, un des facteurs les plus dangereux. C’est vraiment frustrant de savoir qu’en étant juste fidèle à DIEU, tous obstacles pourraient surgir et  rien ne pourrait  nous atteindre.

Esaie 41. 9
Cette parole est adressée seulement aux personnes qui se considère comme serviteur ou qui souhaitent le devenir. Regardez d’où DIEU nous a appelé ou nous appelle encore aujourd’hui! Il est là et il appelle constamment mais nous nous éloignons de lui. Comme j’ai dit précédemment, tout peut arriver de négatif dans notre vie , rien ne vous fera peur car DIEU a dit lui même qu’il était avec vous.
Toutes ses paroles DIEU vous les adressent, pas pour faire joli mais pour agir dans votre vie mais souvent ses paroles rentre sorte comme dans un magasin, vous ne gardez pas la semence. Pour que cela se fasse, seul le SAINT ESPRIT vous l’accorde car après cela tout se passe dans les attitudes, de la manière qu’on se donne.
Laissez vos préoccupations de côtés et cherchez  l’Esprit de DIEU. Quel est le plus important pour vous? Quelle est votre priorité?
Les choses éphémères ou les choses concrètes?

Le choix

Yo vencí el cancer Testimonianza

Sentimentales



Le persone emotive sono deboli, e finiscono sempre sconfitti.

“Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa, e insanabilmente maligno; chi potrà conoscerlo?” (Geremia 17:

10/09/12

Histoire: Tout ce que Dieu fait est bon!

Histoire: Tout ce que Dieu fait est bon!

un Roi orgueilleux avait un serviteur qui était chrétien, celui-ci n’arrêtait pas de dire :
"Tout ce que Dieu fait est bon.
Un jour qu’il était allé chasser, ce Roi fut attaqué par une bête féroce qui lui arracha l’index. Il se tordait encore de douleur quand il entendit son serviteur dire :
"Oh ! Roi ! tout ce que Dieu fait est bon. Alors :
Furieux, le Roi le fit jeter en prison. Quelques semaines plus tard le Roi se rendit encore à la chasse. Ce jour-là, le Roi et son escorte furent attaqués par des hommes....
C’était le soir du sacrifice dans cette petite tribu et ils tuèrent tous les serviteurs du Roi et brûlèrent leurs cadavres en l’honneur de leurs dieux. Le Roi devait à son tour être sacrifié et il avait tellement peur que quand ils s’avançaient pour le mettre sur l’autel du sacrifice il leva ses mains implorant leur pardon et à ce moment-là l’un des hommes constata que le Roi avait un doigt en moins et comme le sacrifice devait être parfait il ne purent alors le présenter. C’est ainsi que le Roi fut relâché. Arrivé dans son Royaume, il courut vers la prison pour voir son serviteur afin de lui raconter ce qui s’était passé et encore une fois il lui dit : "oh ! Roi ! Tout ce que Dieu fait est bon" le doigt que tu as perdu t’a sauvé la vie...
Le Roi ordonna alors qu’on libère son serviteur et il l’invita en même temps à un festin chez lui. Une fois à table, le Roi demanda à son serviteur
"Si ton Dieu est tellement bon, pourquoi t’a t-il laissé aller en prison " et le serviteur lui répondit "parce que si j’étais avec vous, Roi, je serais tué." Eh ! oui mon ami, Tout ce que Dieu fait est bon.

"Car l’Éternel est bon, sa bonté dure toujours et sa fidélité de génération en génération" ( Psaume 100.5)

Alors: Le désert que tu traverses aujourd’hui ne doit pas t’abattre. N’arrête pas de lutter !

OBRA SOCIAL GAIA

Jesus Culture - Holy

06/09/12

Jesus cristo é o Senhor (playlist)

Junto a Tí - Marcio Pinheiro

John Noventa

Eu Tenho Paz - Luís

Eu Tenho Paz - Maria José

Eu Tenho Paz - Ana Paula

CASOS IMPOSIBLES - GREGORIA

Casos Imposibles - Rene

Ser Hombre

02/09/12

IURDTV.com - 02/09/2012 10:00

IURDTV.com - 02/09/2012 06:00

21° Giorno del Digiuno di Daniele.



21° Giorno del Digiuno di Daniele.

- il primo uomo, Adamo, divenne anima vivente» ma l'ultimo Adamo è Spirito che dà la vita. (1 Corinzi 15:45)

- The first man, Adam, became a living soul,  the last Adam became a life-giving spirit. (1 Corinthians 15:45)

- Le premier homme, Adam, devint une âme vivante. Le dernier Adam est devenu un esprit vivifiant. (1 Corinthiens 15:45)

- Adam, wurde zu einer lebendigen Seele, der letzte Adam wurde zu einem Leben schaffenden Geist. (1 Korinther 15:45)

- El primer HOMBRE, Adán, FUE HECHO ALMA VIVIENTE. El último Adán, espíritu que da vida.  (1 Corintios 15:45)

- O primeiro homem, Adão, tornou-se alma vivente; o último Adão, espírito vivificante. ( 1 Coríntios 15:45)

01/09/12

Unção do Altar - Isis Regina

Acción Social Oaxaca 4

20° Giorno del Digiuno di Daniele.



20° Giorno del Digiuno di Daniele.

- Quel che è nato dalla carne, è carne; e quel che è nato dallo Spirito, è spirito. (Giovanni 3- 6)

- That which is born of the flesh is flesh, and that which is born of the Spirit is spirit. (Jhon 3-6)

- Ce qui est né de la chair est chair, et ce qui est né de l'Esprit est Esprit. (Jean 3-6)

- Was aus dem Fleisch geboren ist, ist Fleisch, und was aus dem Geist geboren ist, ist Geist. (Johannes 3:6)

- O que é nascido da carne é carne, e o que é nascido do Espírito é espírito. (João 3-6)

L'arca di Noè stata trovata (2010)

Cercando i resti della Arca di Noè su Monte Ararat in Turchia Orientale,



Cercando i resti della Arca di Noè su Monte Ararat in Turchia Orientale, un gruppo di esplorazioni cinese turco con successo ha fatto scavi e si è avventurato dentro una grande struttura di legno a un'elevazione più di 4,000m livello del mare summenzionato. I campioni di legno erano datati come di 4,800 anni.



IGUAL A CAMALEÃO: BISPO FRANCISCO DECOTHÉ - S.C. BAHIA

.

.