31/08/13

- Che cosa farebbe Gesù se fosse al mio posto?

Ogni giorno noi ci troviamo ad affrontare situazioni in cui il nostro carattere viene testato...
Per sapere qual'è il modo migliore di agire,  dobbiamo domandarci:

- Che cosa farebbe Gesù se fosse al mio posto?
- Se lui fosse qui, ora, al posto mio, farebbe ciò che io sto per    fare? 
- Direbbe ciò che io sto per dire? 
- Penserebbe quello che penso io?


Cambio por cambio / The exchange / Blog Julio Freitas - IURD

Cambio por cambio /Blog Obispo Julio Freitas - IURD/ Portugal

“Ser de Dios es dar lo que se tiene, de forma que Dios pueda ser visto en todo lo que se hace.”

¿Cuál es la diferencia entre el ser y el parecer? 
Una sola cosa: ¡La actitud! 
Cuando queremos parecer algo, fingimos, simulamos adoptar las características de nuestro objetivo o de aquello que queremos ser. Pero, cuando somos verdaderos, no existe espacio para el fingimiento, cada una de nuestras actitudes revela aquello en lo que creemos.

Uno de los verbos más asociados al Cristianismo es “dar”. Pero, ¿dar el que? 
Dar de nuestra fe, de nuestro amor, de nuestra fuerza, de nuestra voluntad, de nuestra actitud, de nuestro futuro… 
En fin, la ofrenda de nuestra vida para Dios manifestarse en todo lo que hacemos o en todas las actitudes que tomamos. No se trata de un mandamiento, pero sí de un modo de vida.

Aun más, esta dádiva es recíproca, cuando somos de Dios y damos lo que tenemos, Él también Se da para nosotros, en la misma medida. Pero  ¿en que se traduce la dádiva de Dios? 
Se traduce en aquello que Él Se muestra para nosotros, en todo Su esplendor y grandeza, en todo lo que hagamos, ¡pues ya no pertenecemos a nosotros mismos y sí a Dios!

The exchange

“To be of God means to give what you have, so that God can be seen in all that you do.”

What is the difference between being and mimicking? 
Only one thing: attitude! When we want to look like something, we mimic the characteristics of our goal or of what we want to be. But when we truly ARE something, there is no room for pretending. Our attitudes reveal what we believe in.

One of the verbs most associated with Christianity is the verb “give”. Give what? 
Give our faith, our love, our strength, our will, our attitude, our future … in short, the offering of our lives to God manifested in everything we do and every decision we make. It’s not a commandment, but a way of life.

However, this gift is reciprocal, that is, when we are of God, and we give what we have, He gives Himself to us in the same measure. 
How is this gift from God seen? 
He shows Himself in all His splendor and greatness in everything we do, because we no longer belong to ourselves but to Him!

30/08/13

Le parole hanno il potere

E' triste, ma ... Purtroppo, le persone spesso dimenticano che la parola che esce dalle nostre labbra ha il potere.

Le parole non sono soltanto parole, come affermava qualcuno. Le parole sono fatti pieni di forza che hanno il potere di condizionare l'intera vita di un essere umano.

“Chi sorveglia la sua bocca e la sua lingua preserva se stesso dall'angoscia” (Proverbi 21:23). 

"E’ proprio vero giovani, morte e vita sono in potere della lingua." 
(Proverbi 18:21).

Il diamante e il carbone


Knockout / Official Blog Bishop Marcelo Pires

“For we do not wrestle against flesh and blood, but against principalities, against powers, against the rulers of the darkness of this age, against spiritual hosts of wickedness in the heavenly places.” [Ephesians 6:12 NKJV]

Boxing is a sport in which two contestants fight each other with one objective –to knock out their opponent.

The physical effort and training which each boxer undergoes are all directed at the end goal – to ensure that when he steps into the boxing ring, he is going to be the winner.

Boxers always fight for the knockout. They will strive to find a weak point in their opponent and, once found, the boxer will punch right at that point, looking to achieve the knockout.

Being in the boxing ring of life, fighting against the devil, is paradoxical to the Bible verse above. We are constantly wrestling with the devil and his target is finding a weak point.

Sometimes it can be a word that you hear or a thought that will strike you and cause uncertainty in your life.

You may at this very moment be in a ring boxing against your fiercest enemy, the devil. All that he needs is a chance to punch you with his words of fear and doubts.

Therefore, do not give in to words of doubt. Don’t be afraid of the problems you are facing. As a matter of fact, do not even focus on your problems, but rather on making yourself strong against the spiritual hosts of this dark world.

The fast of the Holy Spirit is on! It is your opportunity to become the stronger opponent in this spiritual warfare again the rule and principalities of the devil.

Do not allow one more fast to go by without a change in your life. If you made this mistake during the last Fast of Daniel, do not repeat it again.

If you do not empower yourself in this Fast of Daniel against the principalities, and you have to confront the powers of darkness, how you are going to defend yourself against the devil’s knockout blow?

God bless you


29/08/13

Voluntários da FJU prestam auxílio aos bombeiros em São Matheus


(FJU /Força Jovem Universal è o grupo de jovem da Igreja Universal do reino de Deus

Mais uma vez, voluntários da Força Jovem Universal de São Paulo se unem em uma grande ação de solidariedade, levando leite, lanches, sopa, suco e água aos componentes da equipe de bombeiros que trabalharam para socorrer as vítimas do desabamento de um prédio em construção no bairro de São Mateus, Zona Leste da capital, na manhã de terça-feira, 27 de agosto. Mais de vinte pessoas ficaram feridas, a maioria de funcionários que trabalhavam no local que seria alugado para uma loja de roupas. Infelizmente, oito pessoas foram retiradas dos escombros já sem vida. A Defesa Civil interditou algumas casas da região e um posto médico foi instalado próximo para atender com prontidão as pessoas encontradas. Cerca de 60 bombeiros continuam a revirar os destroços à procura de sobreviventes. Para eles, a atitude dos integrantes da FJU é louvável, já que existe muita poeira e é preciso trabalho braçal para retirar os entulhos durante as buscas.

Fotos VPR-SP
Colaboração: Daniela Soares, jornalista FJU.
Veja as fotos da ação! 








SÓ ENTRO NA UNIVERSAL MORTO! - NOITE DA SALVAÇÃO.

É triste, ma... Infelizmente as pessoas não lembram do poder da palavra...



Gesù ha cambiato la mia vita


Gesù ha cambiato la mia vita



28/08/13

TI DICI CRISTIANO O TI CHIAMANO CRISTIANO?

TI DICI CRISTIANO O TI CHIAMANO CRISTIANO?
Sito/   http://iurditalia.org

“Dove sta la differenza?”
Qualcuno potrà chiedere, perché, io rispondo: “IN TUTTO!”

Dio non si aspetta di ascoltare da te: “Io sono cristiano!”
Ma desidera ascoltare gli increduli che dicono di te:
- “Lui (lei) è Cristiano/a”. 
“Ma come posso sapere se sono un vero Cristiano?”.,
Questa è la domanda che molti si fanno senza che riescano a darsi una risposta. In seguito, ti mostrerò come identificare le caratteristiche del vero Cristiano.

-Ecco qui le 3 caratteristiche basilari che Dio si aspetta di trovare in ogni Vero Cristiano:
“Perché egli era un uomo dabbene, pieno di Spirito Santo e di fede. E un gran numero di persone fu aggiunto al Signore.” 
(Atti 11.24)

Barnaba aveva queste qualità, e per questo, queste sono le caratteristiche accentuate del vero Cristiano, che hanno provocato l’evangelizzazione, liberazione, conversione e salvezza di molta gente. E questo “gran numero di persone”, è proprio molta gente!

Una domanda: Quante persone, la tua testimonianza di carattere (qualità interne) e vita (qualità esterne) ha fatto sì che si uniscano (cerchino) al Signor Gesù?

Osserva che la nostra testimonianza deve essere completo:

DI CARATTERE – “Uomo dabbene”: essere compassionevole, onesto, voler aiutare gli altri, avere parola, essere rispettoso, lavoratore, misericordioso, compitore dei tuoi doveri, vero e amico. Essere diligente nella tua relazione con il prossimo e la società.

SPIRITUALE – “Pieno di Spirito Santo”: sapere discernere le persone, le circostanze e le cose, avere Pace, Intrepidità e disposizione per evangelizzare i persi; avere Allegria e Umiltà. La nostra maggiore conquista è il Battesimo con lo Spirito Santo. Lei è la garanzia della nostra Salvezza!

E INDIPENDENTE – “Usa a Fede-intelligente”: essere rivoltato contro ciò che non proviene da Dio, determinato, coraggioso, ben definito, costante in tutto ciò che fa, indipendentemente dagli altri, ma totalmente dipendente dalla sua fede-intelligente nell'Unico Dio Vivo, il che lo porta a sfidarsi per vedere compiere nella sua vita le Meraviglie Promesse di Dio.

Spero che adesso tu abbia percepito la grande differenza che c’è tra qualcuno che si presenta come “cristiano” e chi è considerato da altre persone come Cristiano, poiché sono due cose completamente differenti. Per essere chiamato Cristiano, si deve vivere ciò che è Scritto e pratica quello in cui si crede.

“E per un anno intero essi si radunarono con la chiesa e ammaestrarono un gran numero di gente; e, per la prima volta ad Antiochia, i discepoli furono chiamati Cristiani.” (Atti 11.26)

Ma oltre a questo, responsabilizzati per portare qualcuno allontanato, convinto o accomodato, a partecipare a questa Riunione che, certamente lo aiuterà a diventare il vero Cristiano, e tu sei!

Info: Il nome di Barnaba significa: FIGLIO DI CONSOLAZIONE
E Dio è “Consolato” solo quando il Suo Lavoro è completo. Ma questo succede solo quando, oltre all'evangelizzazione, liberazione, conversione e nuova nascita, ha luogo il Battesimo con lo Spirito Santo.

Per questo, siamo figli della consolazione, per Gloria del nostro Re e Padre Signor Gesù!

Il Signore degli Eserciti / Blog Vescovo Macedo


Signore - si dice riguardo al Dio Creatore, l’Onnipotente;

Degli Eserciti - si riferisce ad innumerevoli soldati che, con la loro lealtà incondizionata, abbracciano la causa del Comandante Eterno - il Signore degli Eserciti.

Come si identifica un esercito?

La formazione di un esercito segue norme rigide di obbedienza incondizionata, disciplina, ordine, rispetto, gerarchia e sottomissione.

In un esercito, tutti devono sottomettersi alle sue regole, dal più grande al più piccolo, senza eccezione.

Se nell’esercito di un paese si esige una rigorosa disciplina, immagina nell’esercito del Signore degli Eserciti!

Tutti devono avere lo stesso Spirito, lo stesso Carattere di Giustizia e di fede.

Condotti dal Signore degli Eserciti, avanzano contro gli eserciti dell’ingiustizia - l’inferno.

Non c’è modo di rimanere fuori da questa guerra;
Non c’è modo di escludersi.
Tutti, senza eccezione, stanno da una parte o dall’altra.

Chi non fa parte dell’esercito del Signore degli Eserciti, fa parte dell’esercito nemico.

O è con il Signore Dio degli Eserciti o è contro di Lui.

O è figlio d’Israele o è figlio di Giacobbe.

Dall’altra parte, il Signore degli Eserciti sta suonando la tromba e convocando gli scelti per lottare contro l’ingiustizia.

Chi vuole far parte dell’esercito del Signore degli Eserciti?

Pertanto, è necessario abbandonare le schiere dell’ingiustizia, tappare le orecchie alla voce del peccato, ascoltare e obbedire esclusivamente alla voce del Signore degli Eserciti.

Chi fa parte dell’esercito del Signore degli Eserciti in questo mondo?

E’ più facile scoprire chi non ne fa parte.

L’esercito del Signore degli Eserciti in questo mondo non conta sui codardi, increduli, abominevoli, assassini, impuri, stregoni, idolatri e bugiardi.

Perché questi sono comandati dal signore dell’ingiustizia: Satana.

La loro parte sarà nello stagno ardente di fuoco e di zolfo, che è la morte seconda. Apocalisse 21.8

Da che parte stai?

26/08/13

Dio Mio

Por Que a Vida Cristã É Tão Dificil? Bispo Guaracy


Pensateci.


"Ma chi persevererà sino alla fine, sarà salvato." Matteo 24:13


Ineffective Faith



Faith in God moves mountains, gives the assurance of salvation, offers strength in times of trouble, administers justice, heals the sick and motivates believers to achieve their dreams. Thus, faith is a God-given tool for those who want to follow and represent Him on earth.

Should not those who live by faith in the promises of God have a better quality of life compared to those who do not use faith at all? 
Yes, of course!
I have a question for you: What has your faith in God done for you?
Think about the answer for a moment before you read further.
In case you realise that you have accomplished very little or nothing at all, I want to share with you a possible reason why you have so little in your life.

✎ ❝And so it is written, ❝The first man Adam became a living being .❞ The last Adam became a life-giving spirit.However, the spiritual is not first, but the natural, and afterward the spiritual. The first man was of the earth, made of dust; the second Man is the Lord from heaven .❞ 
(1 Corinthians 15:45-47) 

The living being – known as a natural man – is one who believes, but in a natural way. The fact that he is natural means he does not know how to separate his faith from what he feels, therefore doubts are powerful opponents in his daily life.
The life-giving spirit – known as the second man or the heavenly man – is a person who does not live by what he sees, feels, or senses. His mind is in God. When facing adversity, trials and persecutions of all kinds, he never stops or gives up. He is a person of sound mind, who lives each and every minute by his trust in God’s promises.

How important is it today to be a life-giving spirit? 
To be able to see beyond the storm level and to keep going, even when everyone says to you, there is no way?
Heroes of faith, such as Moses, Abraham, Isaac, Jacob, had the holy anointing to carry forward the will of God. The Lord Jesus came to revolutionise the lives of those who would put their faith into action – the new birth.
The living being has a natural birth. The life-giving spirit is born of God.
Now I ask you, which one of the two will overcome challenges – the natural man or the heavenly man? 
If your answer is the heavenly, you are right!
But again, one more question: Which of the two are you, natural or heavenly?
The natural man does not have what it takes to defeat the world. He does not have in him the ability to handle the harshness of the desert.
Now we understand better this verse:
✎ ❝ When a strong man, fully armed, guards his own palace, his goods are in peace. But when a stronger than he comes upon him and overcomes him, he takes from him all his armour in which he trusted, and divides his spoils.❞ (Luke 11:21-22)

Who is the stronger man? 
The life-giving spirit man!
Therefore, do not waste your time any more. Invest in your new birth, so you can become a fountain of life for those around you.

God bless you.

25/08/13

Depresión

Depresión: Un mal de nuestro tuempo

Si piensas que puedes estar deprimido, solicita ayuda lo antes posible. No tienes por qué enfrentarte con la depresión tú solo. 

Usted puede encontrar la dirección del Centro de Ayuda Espiritual más cercano a su casa aquí.

En el Centro de Ayuda Espiritual, son muchos los testimonios de personas que sufrían de depresión y que fueron liberados de este mal a través del apoyo emocional y espiritual allí brindados. Si usted, sus hijos, o algun familiar o conocido sufre con este problema...  ¡Busque ayuda!

Piense y pare sufrir  / IURD 

What you need to do to enter / Bishop Julio Freitas


It is not difficult,  in fact, it is very difficult to enter the kingdom of heaven. Who said that? 
The Landlord of the Kingdom of Heaven, the Lord Jesus Christ.

On one occasion, while the Lord Jesus spoke of the danger of becoming attached to riches and how hard it was to let go of those we love and material things we have accomplished to achieve a new identity and, consequently, Salvation or the impossible for those who would not be willing to sacrifice everything, Peter said:

“See, we have left all and followed You …” (Luke 18:28), 
he began saying this to the Lord Jesus, after he listened to Him talking about how hard it was to enter the Kingdom of Heaven. The Kingdom of Heaven is not easy, it is not for those who want bread soup or who want to dance their way through the wide gate… the Kingdom of Heaven is very difficult, the Lord Jesus said that “it is easier for a camel to go through the eye of a needle than for a rich man to enter the kingdom of God.” (Luke 19:25)

Before this passage, the Lord Jesus warned about how it’s not possible to serve two masters, God and money, because either you please one and displease the other or vice versa. When Peter heard these words, he immediately said: “See, we have (your disciples) left all and followed you, what will become of us?” – in other words, Peter wanted a response from the Lord Jesus, because he made a statement, followed by a question.

What he meant by that question was: “What about my sacrifice? How about the sacrifices of my colleagues? “. 
The Lord Jesus, in turn, reassured Peter, in other words saying that neither his sacrifice nor the rest of the disciples’ sacrifices was or would be in vain. Who ever evangelized or prayed for someone and was insulted or despised, know that your sacrifice was not in vain… and this applies to those who have been honest, faithful tithers, who forgive even without being forgiven. 
NOTHING WE DO FOR GOD IS IN VAIN! 
Isn’t it good to know that?

In reality, when we do something and that something does not bring the expected result, we have a tendency to be discouraged. But when we know that what we did and do is not in vain, we a tendency to stay motivated, with the strength to continue to do more and better. That is why God makes it clear in His Word that what we do for Him is not in vain.

“So He said to them, “Assuredly, I say to you, there is no one who has left house or parents or brothers or wife or children, for the sake of the kingdom of God, who shall not receive many times more in this present time, and in the age to come eternal life…” (Luke 18.29-30)

What does the Lord Jesus tell us to do for our enemies? 
Pray! And what about our family? 
Giving them life. But here he says that he who has left wife, brothers, parents, children… for his sake and the Gospel’s sake, will receive 100 times more. Is Jesus commanding us to abandon our family? 
No, what He’s saying is that when having to chose between our faith, to sacrifice and to please God or to please our family, we have to chose faith and please God, because our family depends on our perseverance in faith in the Lord Jesus, so that tomorrow they will be saved! And not our money, goods or care, because providing them with these is our obligation!

What Jesus is saying is that if we choose to please Him in detriment of others, we will not regret it, because God will not only bless us, but our family and the people with whom we live and coexist.

But all this comes at a price, which is choosing the Lord Jesus, even while suffering persecutions, because WITH GOD, OUR INVESTMENT GARANTEES A 100% RETURN IN PROFITS!



Se credi, vedrai la gloria di Dio...


24/08/13

Provando a convincere chi non crede / Blog del Vescovo Macedo

Se vivi la tua vita provando a dimostrare a coloro che non credono che stanno sbagliando, commetterai due errori. Primo, sprecherai il tuo tempo.

Devi capire che non è il tuo lavoro convincere chi non crede. Credere o non credere è una scelta che rivela cosa c’è dentro ogni persona. E’ per questo che i maliziosi, i paurosi, i disonesti, i pessimisti, i perversi e altri con aggettivi negativi, di solito non credono. E i sinceri, gli ottimisti, le persone del bene e integre di solito credono. Credere, o non credere, è il frutto di ciò che c’è dentro di te.

Per questo è inutile provare a cambiare l’opinione di chi è più aggrappato alla propria opinione piuttosto che alla ragione. Ci sono persone che hanno bisogno di criticare per sentirsi meglio sui loro sentimenti negativi. E’ come se la critica confermasse il loro modo negativo di essere.

Il secondo errore è che mentre ti stai preoccupando di quelli che non credono, stai smettendo di dare il tuo meglio a quelli che credono. Quelli che credono meritano la tua attenzione. Sono loro che ti appoggiano, applaudono, tifano per te e riconoscono il valore del tuo lavoro. Sono loro che chiedono di più. Onorali.

Invece di custodire una lista nel tuo cuore con i nomi di chi ti ha attaccato, criticato, disprezzato, ridicolizzato e ti ha deriso, ricordati dei tuoi fan, di chi tifa per te.

Il peggior sentimento non è l’odio, ma l’indifferenza. Quando tu stai creando qualcosa di importante, che tocca le vite, che va oltre ciò che è comune, tu sarai odiato da qualcuno, attaccato da altri. Non ti preoccupare di questo. Preoccupati se non reagisce nessuno, in un modo o nell'altro  poiché questo significherebbe che stai creando il niente con il niente.

Coloro che ti apprezzano e amano il tuo lavoro sono i tuoi migliori difensori. Le loro vite trasformate, la migliore speranza di quelli che non credono.

Ouça e medite

A morte é apenas o início da cobrança do fizemos de bom ou de mal, e tudo depende do que fizemos...

Se você crê ou você não crê em Deus, não importa, só é que importante é você saber que:
-Nós só colhemos o que nós plantamos!
 (Lei natural / livre arbitrio)

Ouça e medite!

Crer ou não crer é uma escolha que revela o que está dentro de cada um.



23/08/13

Da Cristo tutto il corpo ben collegato e ben connesso …


✎ ❝ Dal quale tutto il corpo ben connesso e unito insieme, mediante il contributo fornito da ogni giuntura e secondo il vigore di ogni singola parte, produce la crescita del corpo per l'edificazione di se stesso nell'amore. ❞ (Efesini 4:16)
Da Cristo tutto il corpo ben collegato e ben connesso …

Viviamo nella società dei collegamenti in tempo reale. Il web, con i suoi vari strumenti di accesso remoto, mette tutti in grado di comunicare da una parte all'altra del mondo con estrema facilità: 
- si chatta, si spedisce posta elettronica, 
- si fanno videoconferenze,
- si parla on line, con un semplice ❝ click. ❞ 
Questo in linea orizzontale, anche se a livello globale. 
Le comunicazioni, per quanto veloci sono mediate, virtuali, da dietro un PC o un palmare.

Nella società della multimedialità e delle comunicazioni, ci si dimentica però di stabilire un altro contatto, non terreno ma celeste, non con un mio prossimo dietro uno schermo ma con Dio e direttamente. 

Gesù un giorno disse:
✎ ❝… Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. ❞ (Giovanni 14:6). 

Accertiamoci di avere la giusta connessione con il Cielo, di essere in contatto con Dio; c’è una linea sempre aperta, passa per il Calvario, dove Gesù ha dato la Sua vita per la nostra salvezza e, proprio in quel giorno, ha ripristinato un collegamento interrotto a causa del peccato. 

Puoi accedere al ❝ servizio ❞ anche tu, Cristo ha pagato più alto, per darti la possibilità di comunicare con Dio senza interruzioni o disservizi: collegati con il Cielo anche tu, il Signore è sempre in linea per rispondere alla tua invocazione.

Corvi dal cielo



Come Dio, in risposta alla preghiera, ha salvato il raccolto di alcuni credenti che era minacciato dai bruchi.

Sono molti i credenti Hmong (Miao), ovvero popolazioni che abitano il sud ovest del vastissimo paese della Cina, nella provincia dello Yunnan. Si tratta di una delle cinquantacinque minoranze etniche ufficialmente riconosciute dallo Stato. Vivono in semplicità, sostenendosi con i prodotti dell'agricoltura e lavorando una terra arida, posta su freddi altipiani intorno a piccoli villaggi.

Un intero villaggio di credenti Hmong coltiva unicamente piante di gelso le cui foglie vengono poi usate, durante l'estate, come alimento per i bachi da seta. E' un'attività che per questo villaggio risulta fondamentale per la propria sussistenza, se le foglie giungono a maturazione completa.
Un giorno, verso fine primavera, qualcuno notò che dei bruchi stavano mangiando tutte le foglie dei gelsi. Ben presto infestarono letteralmente l'intera piantagione.

Uomini, donne, perfino bambini furono mobilitati per togliere i bruchi dagli alberi di gelso; facevano più in fretta possibile, ma i loro sforzi risultavano insufficienti rispetto al numero così elevato di bruchi che si erano sparsi ovunque. Alla fine gli operai si dovettero fermare perché essi stessi stavano rovinando la piantagione rompendo i rami e danneggiando le tenere foglioline non ancora attaccate dai bruchi.

I pesticidi avrebbero potuto risolvere il problema, ma non era possibile reperirli se non dopo giornate di cammino e con una certa cifra di denaro che gli Hmong non avevano a disposizione. La situazione sembrava senza speranza. Fu allora che un credente suggerì di andare in chiesa a pregare dal momento che ogni sforzo umano risultava vano. "Invochiamo il Signore forse Egli ci aiuterà", disse questo credente. Tutti furono d'accordo e dalla mattina fino a tarda sera invocarono il Signore in una meravigliosa riunione di preghiera. Quindi tutti tornarono alle proprie dimore. Il mattino seguente, mentre stavano tornando al locale di culto per continuare a pregare insieme, i credenti sentirono un gracidare insolito; alzando lo sguardo al cielo videro un nutrito numero di uccelli neri che volavano sopra la piantagione di gelsi. Improvvisamente, scesero sopra le piante e cominciarono a cibarsi dei bruchi belli grassi che stavano pregiudicando il raccolto.

I credenti Hmong rimasero attoniti allo spettacolo mentre osservavano i corvi e le cornacchie banchettare per l'intero arco della giornata. Quindi, verso sera, gli uccelli si ritirarono su di una collina poco distante dalla piantagione, senza essere più visti. Tra quei preziosi alberi di gelso non fu più trovato nemmeno un bruco. Le foglie furono staccate un po' più tardi del previsto quell'estate, ma il raccolto fu salvato. L'Iddio nel quale avevano confidato aveva risposto alla loro preghiera mandando dei corvi dal cielo.


✎ "Senza fede è impossibile piacere a Dio; poiché chi si accosta a Dio deve credere Ch'Egli è, e che è il rimuneratore di quelli che Io cercano. 
(Ebrei 11:6)

Un uomo aveva quattro figli.



Egli desiderava che i suoi figli imparassero a non giudicare le cose in fretta, per questo, invitò ognuno di loro a fare un viaggio, per  osservare un albero, che era piantato in un luogo lontano.
Il primo figlio andò là in Inverno, il secondo in Primavera, il  terzo in Estate, e il quarto, in Autunno.

Quando l’ultimo rientrò, li  riunì, e chiese loro di descrivere quello che avevano visto.
Il primo figlio disse che l’albero era brutto, torto e piegato.

Il secondo figlio disse invece che l’albero era  ricoperto di bottoni verdi,  e pieno di promesse.

Il terzo figlio era in disaccordo; disse che era  coperto di fiori,  che avevano un profumo tanto dolce, ed erano tanto belli da fargli dire che fossero la cosa più bella che avesse mai visto.

L’ultimo figlio era in disaccordo con tutti gli altri;  disse che l’albero era carico di frutta, vita e promesse...  

L’uomo allora spiegò ai suoi figli che tutte le risposte erano esatte poiché ognuno aveva visto solo una stagione della vita dell’albero...
Egli disse che non si può giudicare un albero, o una persona, per  una sola stagione, e che la loro essenza, il piacere, l’allegria e  l’amore che vengono da quella vita può essere misurato solo alla fine, quando  tutte le stagioni sono complete.
Se rinunci all'Inverno, perderai la promessa della primavera,
la ricchezza dell’estate, la bellezza dell’Autunno.

Non permettere che il dolore di una stagione distrugga l’allegria di tutte le altre.
Non giudicare la vita solo per una stagione difficile.
Persevera attraverso le difficili strade, e tempi migliori certamente verranno quando meno te lo aspetti!

Le cose non sono sempre quello che sembrano!

✎Sappiate che le prove vi rendono forti, le cose belle vi rendono gentili,  le perdite vi rendono sensibili,  e i successi vi fanno crescere.

22/08/13

Non ha prezzo...


La Parola di Dio è potente.



Molte volte l’immagine che viene data di Dio è quella di un essere misterioso e lontano, distaccato da ciò che ci avviene e totalmente indifferente della sorte dell’uomo. Ma non è il Dio della Bibbia, che è “potente”, cioè vuole agire in favore di chi lo cerca, anche nell'ora più buia.

Dio è potente nel Salvare:
Il SIGNORE, il tuo Dio, è in mezzo a te, come un potente che salva; egli si rallegrerà con gran gioia per causa tua; si acquieterà nel suo amore, esulterà, per causa tua, con grida di gioia”.
- Sofonia 3:17

Il SIGNORE è la mia rocca, la mia fortezza, il mio liberatore; il mio Dio, la mia rupe, in cui mi rifugio, il mio scudo, il mio potente salvatore, il mio alto rifugio.
- Salmo 18:2

Perciò egli può salvare perfettamente quelli che per mezzo di Cristo si avvicinano a Dio, dal momento che vive sempre per intercedere per loro.
– Ebrei 7:25

…Liberare

Ecco, il nostro Dio che noi serviamo, è potente da liberarci, e ci libererà dalla fornace del fuoco ardente, e dalla tua mano, o re.
- Daniele 3:17

il quale ci ha liberati e ci libererà da un così gran pericolo di morte, e nel quale abbiamo la speranza che ci libererà ancora.
– II Corinzi 1:10

…Guarire
Come Gesù partiva di là, due ciechi lo seguirono, dicendo ad alta voce: “Abbi pietà di noi, Figlio di Davide!” Quando egli fu entrato nella casa, quei ciechi si avvicinarono a lui. Gesù disse loro: “Credete voi che io possa far questo?” Essi gli risposero: “Sì, Signore”. Allora toccò loro gli occhi dicendo: “Vi sia fatto secondo la vostra fede”. E gli occhi loro furono aperti.
– Matteo 9:27-30

Al tramontar del sole, tutti quelli che avevano dei sofferenti di varie malattie, li conducevano a lui; ed egli li guariva, imponendo le mani a ciascuno. Anche i demoni uscivano da molti, gridando e dicendo: “Tu sei il Figlio di Dio!” Ma egli li sgridava e non permetteva loro di parlare, perché sapevano che egli era il Cristo.
– Luca 4:40, 41

Un giorno Gesù stava insegnando; e c’erano, là seduti, dei farisei e dei dottori della legge, venuti da tutti i villaggi della Galilea, della Giudea e da Gerusalemme; e la potenza del Signore era con lui per compiere guarigioni.
– Luca 5:17

Dio è potente di…

…Adempiere le sue promesse pienamente convinto che quanto egli ha promesso, è anche in grado di compierlo
– Romani 4:21

…Fare infinitamente di più
Or a colui che può, mediante la potenza che opera in noi, fare infinitamente di più di quel che domandiamo o pensiamo, a lui sia la gloria nella chiesa, e in Cristo Gesù, per tutte le età, nei secoli dei secoli. Amen.
- Efesini 3:20

…Custodire il nostro deposito
È anche per questo motivo che soffro queste cose; ma non me ne vergogno, perché so in chi ho creduto, e sono convinto che egli ha il potere di custodire il mio deposito fino a quel giorno.
- II Timoteo 1:12

…Aiutare chi è tentato:
… poiché egli stesso ha sofferto la tentazione, può venire in aiuto di quelli che sono tentati.
- Ebrei 2:18

…Preservarci da ogni caduta:
A colui che può preservarvi da ogni caduta e farvi comparire irreprensibili e con gioia davanti alla sua gloria, al Dio unico, nostro Salvatore per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore, siano gloria, maestà, forza e potere prima di tutti i tempi, ora e per tutti i secoli. Amen
– Giuda 24, 25

Che cos'è questa potenza?

Gesù è la potenza di Dio:
ma per quelli che sono chiamati, tanto Giudei quanto Greci, predichiamo Cristo, potenza di Dio e sapienza di Dio;
– I Corinzi 1:24

L’Evangelo è la potenza di Dio:

Infatti non mi vergogno del vangelo; perché esso è potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede; del Giudeo prima e poi del Greco;
– Romani 1:16

Poiché la predicazione della croce è pazzia per quelli che periscono, ma per noi, che veniamo salvati, è la potenza di Dio;
– I Corinzi 1:18

Lo Spirito Santo è la potenza di Dio:

Or il Dio della speranza vi riempia di ogni gioia e di ogni pace nella fede, affinché abbondiate nella speranza, per la potenza dello Spirito Santo.
- Romani 15:13

Voi riceverete potenza quando lo Spirito Santo verrà su di voi …
– Atti 1:8

Non basta credere in Dio, ma ci vuole fede


☑ Dobbiamo capire che non basta semplicemente  ❝ credere ❞ in Dio, perché io posso anche credere nel mio vicino di casa, ma affiderei al mio vicino di casa le chiavi di casa mia se in lui non ho fede, cioè  non mi fido?

-Non basta credere in Dio, ma ci vuole fede, cioè fiducia, se hai fiducia per una persona affidi le tue cose e la tua vita a tale persona...

-Quindi se abbiamo fiducia in Dio che Egli agisce per il bene nostro, non faremo come ci pare e piace, ma metteremo la volontà di Dio al primo posto, perché sappiamo benissimo che Dio sa molto meglio di noi ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

Per Dio è fondamentale che crediamo a tutto ciò che Egli ci dice e che Lo cerchiamo per quello che è: 
✎ - il Salvatore, 
✎ - l’Onnipotente, 
✎ - il Guaritore, 
✎ - il Liberatore, 
✎ - Colui che provvede ad ogni nostro bisogno, 

☑ Se cerchiamo il Suo volto, se Lo adoriamo per quello che è, ci ricompenserà mostrandoci non solo il Suo volto, ma anche la Sua mano, la Sua Provvidenza paterna. (Ebrei. 11-6)

✎ Se uno mi ha offeso io devo perdonarlo???



☑ Accorgiti che il risentimento che rivolgi al tuo nemico non è in grado di danneggiarlo minimamente, ma distrugge la tua vita. Molto probabilmente il tuo nemico sta andando avanti con la sua vita senza dedicarti nemmeno uno dei suoi pensieri. 
☑  "Provare del risentimento è esattamente come ingerire del veleno e aspettare che sia qualcun altro (il tuo nemico) a farne le spese." 
☑ Il rancore è un sentimento distruttivo e ci rende ciechi, è come il cancro nel fisico umano è davvero il cancro dell’anima, e il risentimento è una malattia mentale che si autoalimenta fino ad eliminare dalla persona ogni espressione d’amore e qualsiasi sano sentimento, sono seme dell’inferno piantata nei cuori di quelli che hanno allontanato da Dio…
E il desiderio di vendetta, distrugge chi lo prova al pari di chi ne è il bersaglio. 

“L'odio, il rancore e il senso di colpa ti incatenano, mentre la comprensione, il perdono e l'amore ti liberano.
Perché nel momento in cui pensi alla vendetta e vuole vendicare e poi lo fai provi un grande odio che ti lacera dentro. Lo senti bruciarti le vene. Questo odio alimenta la tua vendetta e ti trasforma... 

✎ Tu vuoi vivere una vita lunga e felice non è vero? 

☑ Troppo spesso dimentichiamo che l'odio è un veleno capace di ucciderci lentamente e che quando odiamo qualcuno non facciamo che fare del male a noi stessi ingerendone grandi quantità giornaliere. Scegli di salvare te stesso, perdona e ricomincia a vivere al meglio la tua vita.

☑ Allora, sappi che imparare a perdonare l'imperdonabile è il regalo più grande che tu possa fare a te stesso. Anche quando credi che il tuo "nemico" non meriti il tuo perdono per tutto quello che ti ha fatto,  ma ricorda che è tu vuole essere libero...   
Il perdono è il grande liberatore, è ciò che cancella tutto. l perdono non riguarda tanto l'altro quanto noi stessi...

☑ Perdonare significa liberarsi e riprendere in mano le redini della propria vita, lasciare la posizione di vittima per assumere quella di uomo o donna responsabile. Ci sono persone che credono che perdonare significhi dare ragione all'altro per aver loro fatto del male, ma non è così. ✎ Perdonare non significa né giustificare né scusare i comportamenti dell'altro, e non esclude le sanzioni morali o legali previste per comportamenti inaccettabili; significa comprendere perché ha agito in quel dato modo e per quale motivo noi ci siamo trovati in quella data situazione nel corso della nostra evoluzione. Perdona, non per fare un favore agli altri o perché sei santo, ma per sentirti più libero, finché odio o rancore regnano in te,  sei loro prigioniero.

E' scritto nella Bibbia, in Matteo 6:14,15: 
✎ “Poiché se voi perdonate agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonate agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe.”

E’ scritto nella Bibbia, nel Salmo 86. 5: ✎ “Poiché tu, o Signore, sei buono, pronto a perdonare, e misericordioso verso tutti quanti t’invocano.”

La guarigione non può avvenire se non quando vi sia il perdono di sé. Soltanto questo processo ha il potere di trasformare il nostro amor proprio, e contemporaneamente il cuore e il sangue del nostro corpo fisico.

☑  Solo Dio ci da la capacità di perdonare, da Lui possiamo imparare e ricevere il perdono che restituisce la pace ai nostri cuori.

☑  “Se vuoi perdonare, se lo desidera, e non lo riesce, chiede aiuto a Dio. 
- Perdonami Signore per tutte le mie debolezze, ed aiutami a perdonare tutti coloro che mi hanno offeso, Dio ti prego nel nome del tuo figlio Gesù!”.

☑  Pensateci:
 " Se non perdono non posso essere perdonato!"

21/08/13

La mente di cristo



Gesù, nella persona dello Spirito Santo, ispirò l’apostolo Paolo a scrivere questo: 
✎ ❝Or noi abbiamo la Mente di Cristo.❞ (1 Corinzi 2.16)

Che significa avere la mente di Cristo?
Gesù disse:
✎ ❝Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi.❞ (Giovanni 8.32)
Ma la Verità libera solo, quelli che obbediscono alla Verità.
☑  Quando una persona vive nella bugia, nei vizi, nella prostituzione, quando si dà spazio ai propri istinti carnali, è ovvio che la Verità non può liberarla. Questo perché lei sceglie l’opzione dell’inganno.

☑ Le persone che si lasciano trasportare dall'inganno, diventano vittime del diavolo. Il diavolo diventa forte nella loro vita.
Quando la persona ha questo sentimento, lei si sta consegnando alle forze del diavolo, e Dio resta debole nella sua vita. Quando fortifichiamo il nostro Dio, tramite la pratica della Sua Parola, allora indeboliamo il diavolo.

☑ È così che funziona la fede. La Verità deve essere praticata, al contrario, lei perde il suo valore. Quanti credenti continuano a vivere oppressi e depressi a causa di un amore proibito? 
Vivono nella bugia, nella inganno, rubando…

☑ Queste persone conoscono la Verità, ma vivono oppresse dalla bugia, e affinché siano libere devono dire  ❝NO❞!
Se lei non fa questo, la Verità non avrà potere di liberarla.
Noi abbiamo il diritto di determinare quello che vogliamo. Noi abbiamo il cammino dell’Obbedienza e della disobbedienza. Quello dell’Obbedienza risulterà nella Benedizione; quell'altro, nella maledizione.

☑ Le persone vogliono la libertà, ma non sempre vogliono pagare il prezzo per essa, o sacrificarsi per essa. Affinché tu pratichi la Verità, tu devi rinunciare alla bugia.

☑ Dio diventa poderoso, quando tu obbedisci alla Sua Parola, Lui può agire nella tua vita. Ma Lui diventa impotente quando resisti ad obbedirgli e continui ad andare nella bugia.

☑ Il titolo non salva nessuno, ❝io sono cristiano❞, non si può appoggiare la salvezza in un titolo, e sì nella fede, ed una fede accompagnata dalla pratica, accompagnata dalla Verità.
Con questo, il diavolo diventa debole, e Dio è glorificato, se io faccio l’opposto, raccoglierò i frutti opposti.
La tua vita è nelle tue mani, sei tu che decidi se erediterai le benedizioni o le maledizioni. Se vivrai il Regno di Dio o il regno dell’inferno.

☑ Nessuno che pratica la bugia, a cui piace la bugia, si può liberare con la Verità, la Verità libera solo quelli che vogliono la Verità. 

☑ Dipende da ognuno volersi sottomettere a questa fede.

http://iurditalia.org/

Medico scettico, si è convertito a Gesù Cristo...

Medico scettico, si è convertito a Gesù Cristo, dopo aver visto un miracolo durante un intervento chirurgico.

Il valore della vita umana


Un professore mostra un biglietto da 20 € e chieda ai suoi studenti: 
"-Chi vuole questo biglietto? " 
Tutte le mani si alzano.
Allora comincia a sgualcire il biglietto e poi chiede di nuovo: 
"-Lo volete ancora?" 
Le mani si alzano di nuovo.
Getta per terra il biglietto sgualcito, lo pesta con i piedi e chiede: 
"-Lo volete sempre?" 
Tutte le mani si rialzano.
Quindi dice: "-Avete appena avuto una dimostrazione pratica! Importa poco ciò che faccio con questo biglietto, lo volete sempre, perché il suo valore non è cambiato...
 Vale sempre 20 €”. Molte volte nella vostra vita, sarete sgualciti, rigettati dalle persone e dagli avvenimenti. Avrete l'impressione di non valere più niente, ma il vostro valore non sarà cambiato agli occhi delle persone che vi amano davvero. Anche nei giorni in cui sentiamo di valere meno di un centesimo, il nostro vero valore è rimasto lo stesso.

La Bibbia ci insegna chiaramente che dobbiamo amare noi stessi, perché siamo creati all'immagine di Dio. Come creature abbiamo valore e per dimostrarlo Cristo è morto per noi.

✎ “Dio creò l’uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio”(Genesi 1:27). 
Averlo creato alla sua immagine indica il valore del tutto particolare che Dio attribuisce all'uomo.

✎  “Conosco i pensieri che ho per voi…pensieri di pace e non di male, per darvi un futuro e un speranza” (Geremia 29:11; 1:5). 
Il fatto che Dio abbia un progetto per ogni uomo, significa che tutti gli uomini, nessuno escluso, per Lui hanno una grande importanza.    

✎  “…persino i capelli del vostro capo sono tutti contati…”(Luca 12:7) dice quanto è prezioso per Dio ogni essere umano.

Dio ti ama e ti ha creato perché tu abbia un rapporto personale con Lui. Come puoi sapere che Dio ti ama?
✎ "Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo unico Figlio perché chi crede in lui non muoia ma abbia vita eterna."(Giovanni 3:16) 

Gesù è morto al nostro posto:
✎ "Cristo ha sofferto una volta per i peccati, lui giusto per gli ingiusti, per condurci a Dio." (1 Pietro 3:18) 

✎ "Dio invece mostra la grandezza del proprio amore per noi in questo: che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi." (Romani 5:8) 

Dio vuole che tu lo conosca Gesù ha detto: 
✎ "Questa è la vita eterna: che conoscano te, il solo vero Dio, e colui che tu hai mandato, Gesù Cristo." (Giovanni 17:3) 

✎ "A tutti quelli che l’hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventar figli di Dio: a quelli, cioè, che credono nel suo nome".(Giovanni 1:12) 

✎ "Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti.". (Efesini 2:8-9) 

Ricevere Gesù è fare l'esperienza di una nuova nascita.
(Leggi Giovanni 3:1-8 )

Ricevere Gesù Cristo nella propria vita significa:
- Mutare atteggiamento interiore: riconoscere di essere peccatore e voler abbandonare il peccato.
- Cessare di essere concentrati su di sé e fidarsi di Dio che perdona perché Gesù è morto per i nostri peccati.
- Decidere di seguire Gesù come Signore della propria vita.

Gesù promette di entrare nella tua vita quando lo ricevi.
Gesù disse: 
✎ "Ecco, io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la mia voce e apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con me." (Apocalisse 3:20)

Puoi ricevere Cristo nella tua vita ora, esprimendo la tua fede in preghiera (pregare significa semplicemente conversare con Dio).

A Dio non importa tanto delle parole, quanto della sincerità del tuo atteggiamento. 

Le quattro mogli


C'era un ricco commerciante che aveva 4 mogli. Lui amava la sua quarta moglie più di tutte e l'adornava con vestiti eleganti e la trattava con tanta dolcezza. Si prendeva grande cura di lei, e non le faceva mancare nulla e le dava sempre il meglio di tutto.

Amava moltissimo anche la terza moglie. Era molto orgoglioso di lei ed era sempre quella che mostrava ai suoi amici. Il commerciante temeva sempre comunque che lei fuggisse con gli altri uomini.

Lui amava anche la sua seconda moglie. Era una persona molto premurosa, sempre paziente e confidente del commerciante. 
Ogni qualvolta il commerciante affrontava dei problemi, si rivolgeva sempre alla sua seconda moglie e lei riusciva ad aiutarlo e a farlo uscire dai momenti difficili.

Ora, la prima moglie del commerciante era una partner molto fedele e aveva dato grandi contributi nel fargli mantenere la sua ricchezza e gli affari e la cura della famiglia. Comunque, il commerciante non amava la prima moglie ed anche se lei l'amava profondamente, lui non si prendeva cura di lei.

Un giorno, il negoziante cadde ammalato. Di lì a poco, capì di stare in punto di morte. Pensò allora a tutta la sua vita agiata e disse fra sé e sé: "Ora ho 4 mogli con me. Ma quando io muoio, me ne andrò da solo. Come sarò solo!

Così disse alla quarta moglie:
 "-Io ti ho amato di più, ti ho dato i migliori vestiti e ho avuto la massima cura di te. Ora che io sto morendo, vuoi seguirmi e tenermi compagnia? "
"-In nessun modo! " rispose la quarta moglie e si allontanò senza altre parole. La risposta fu come una rasoiata nel cuore del commerciante.

Egli allora tristemente chiese alla terza moglie:
 "-Io ti ho tanto amato per tutta la mia vita. Ora che sto morendo, vuoi seguirmi e tenermi compagnia? "
"-Neanche per sogno!" rispose la terza moglie. "-La vita qui è così bella! Quando morirai, subito mi sposerò di nuovo! " Il cuore del commerciante ebbe un sussulto e diventò gelido.

Domandò poi alla seconda moglie: 
"-Mi sono sempre rivolto a te per aiuto e tu sempre mi hai aiutato. Ora ho bisogno di nuovo del tuo aiuto. Ora che sto morendo, vuoi seguirmi e tenermi compagnia?"
"-Sono spiacente, ma non posso aiutarti. Tutt'al più posso provvedere al tuo funerale" La risposta arrivò come una deflagrazione devastante.

Quand'ecco una voce che diceva: "-Io verrò con te! E non mi preoccuperò di dove andrai"
Il commerciante si girò intorno e vide la sua prima moglie…
Era così magra e malnutrita. Grandemente si addolorò, ed esclamò "-Mi sarei dovuto prendere più cura di te quando avrei potuto!"


✎ Sembrerebbe azzardato, ma anche noi abbiamo quattro mogli…
☑ La quarta moglie è il nostro corpo. Nessun problema nello spendere tempo e denaro per farlo sembrare il meglio possibile, ma ci lascerà quando moriremo. 

☑ La nostra terza moglie? 
I nostri possessi, lo status sociale e la ricchezza. Quando moriamo, essi andranno ad altri.

☑ La seconda moglie è la nostra famiglia e le amicizie. Nessun problema quando stavamo con loro. Provvederanno al mantenimento della tomba.

☑ La prima moglie è infine il nostro spirito, spesso trascurato nella nostra ricerca di ricchezza materiale e piacere sensuale. 
Indovina un po’? 
È veramente l'unica cosa che ci seguirà dovunque andremo.
Sarebbe bene occuparsi di essa e coltivarla prima di essere sul letto di morte e disperarsi.

20/08/13

Pensateci


Il male che entra dagli occhi /Vescovo Macedo


L’essere umano ha il dono di trovare gli errori negli altri. Forse è più una malattia che un dono, in verità. C’è chi trova errori anche in Dio, come quelli che hanno trovato difetti in Gesù quando è venuto su questa Terra. Ed Egli stesso ci ha avvertiti sui pericoli di questa malattia:

Ma se l'occhio tuo è viziato, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Matteo 6.23

Ciò significa, io posso non sapere che tu hai occhi malevoli nei miei confronti. Pertanto i tuoi occhi malevoli non mi colpiranno. Ma a te si. Come?

Quando abbiamo occhi malevoli nei confronti di qualcuno, iniziamo a cercare i difetti in loro. L’ordine che diamo al nostro cervello è: 
“Questa persona è cattiva. Cerca delle prove.” 

Da lì in poi iniziamo a vedere tutto male:
La persona è arrivata in ritardo?
-E’ pigra.

E’ arrivata presto?
-Vuole farsi notare.

E’ bella?
-Si dà delle arie. 

E’ brutta?
-Molto bene!

Ha soldi? 
-E’ un ladro. 

Non ha soldi? 
-Non è nessuno.

Fa delle buone opere? 
-E’ solo per farsi vedere. 

Non fa delle buone opere? 
-E’ egoista.

E’ in rilievo per ciò che fa? 
-Vuole apparire. 

Non appare? 
-E’ una nullità.

Questa ricerca ai difetti non ha fine. Diventi una persona amareggiata, odiosa, con rancore e con una lingua velenosa. Se tu hai occhi malevoli nei confronti di qualcuno, questo qualcuno non ti piacerà mai. Il problema è tuo, non dell’altra persona.

Il tuo stato è così serio che le vittime dei tuoi occhi malevoli non devono neanche punirti, criticarti o difendersi. Hai già la tua propria punizione: 
le tenebre che ci sono dentro di te. Una rabbia che non finisce mai. 
Una persona amareggiata che riesce ad attirare solo persone uguali a lei - che odiano le stesse persone. Un sentimento che dice che tu sei l’unico “perfetto”, pur sapendo che questa cosa non esiste.

Ma perché non te ne accorgi?

Ah scusami se ho fatto questa domanda, ma ho dimenticato che tu sei nelle tenebre

Chi crede...


✎ “Chi crede in me, come ha detto la Scrittura, 
fiumi d'acqua viva sgorgheranno dal suo seno.” 
(Giovanni 7.38)

Significa che dal tuo interiore usciranno parole di vita; 
parole che salvano le persone disperate;
parole che rialzano i caduti;
parole che danno vita alle persone che sono morte; 
parole che danno spirito alle persone che non hanno spirito. 

Gesù sta dicendo che chi crede in me, come dicono le Scritture, e no come dice il vescovo, pastore, cardinale, padre o la religione A o B, no!

Ma sta dicendo che:
Chi crede in Gesù come dice la Parola di Dio. 
Questa è la fede intelligente, 
una fede che ha un supporto, 
un fondamento nella Parola di Dio. 
Fede è Spirito. 
La fede è la certezza che Dio farà ciò che ha promesso.

La guerra, violenza...



19/08/13

Le nostre vite sono l'unica Bibbia che alcune persone leggeranno!


Siamo il buon odore di Cristo

Sia nell'Antico che nel Nuovo Testamento è inequivocabile il dovere che ciascun cristiano deve osservare verso il mondo che attende un barlume di speranza: la buona testimonianza.

“Noi siamo per Dio il buon odore di Cristo fra quelli che sono salvati, e fra quelli che periscono”
(2 Corinzi 2:15)

Sia nell'Antico che nel Nuovo Testamento è inequivocabile il dovere che ciascun cristiano deve osservare verso il mondo che attende un barlume di speranza: La buona testimonianza.

La nostra vita deve parlare di Gesù, dell'opera salvifica e redentrice della grazia, che conduce il salvato nel regno della luce, una volta riscattato dalla potestà delle tenebre. Il comportamento, la grazia delle parole pronunciate devono raccontare di Gesù, la rispondenza dei gesti a quanto proclamato deve attestare la presenza della divinità nella propria vita. Il profumo che la vita di Cristo produce è un qualcosa che deve spandersi intorno, sia tra i salvati che non.

La testimonianza deve produrre un effetto tangibile, vita ed edificazione per gli altri credenti e convinzione di peccato per i perduti. Rendere una buona testimonianza è un dovere che ciascuno deve attendere, come onore e riverenza verso colui che non si è risparmiato verso di noi, donando tutto se stesso.

Il nostro comportamento parla più che parole, le nostri azioni dimostrano chi siamo davvero!

✎ "Voi siete il sale della terra;
… Voi siete la luce del mondo;
… Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli."
(Luca 5,13-16)

✎ "… la vostra fede non fosse fondata sulla sapienza umana, ma sulla potenza di Dio."
(1 Corinzi 2, 1-5)

Un giorno,quando saremo davanti al tribunale di Cristo dovremo rispondere se siamo stati sale in questo mondo, se con la nostra vita abbiamo onorato il Signore!

✎ "Amate i vostri nemici;
fate del bene a quelli che vi odiano;
benedite quelli che vi maledicono,
pregate per quelli che vi oltraggiano.
A chi ti percuote su una guancia, porgigli anche l'altra,
a chi ti toglie il mantello non impedirgli di prenderti anche la tunica.
Da' a chiunque ti chiede; e a chi ti toglie il tuo, non glielo ridomandare.
E come volete che gli uomini facciano a voi, fate voi pure a loro"
(Luca 6:27-31).

✎ “Ecco, io vengo presto e il mio premio è con me, per rendere ad ognuno secondo ciò che sarà l'opera sua.”
(Ap 22:12)

.

.