30/06/13

While I'm Waiting - John Waller / sottotitoli italiano


Bellissimo video della canzone colonna sonora del film "FireProof"


Tribulación: la prueba de la fe (IURD)

Tribulación: la prueba de la fe (IURD)

El apóstol Juan, tanto en su evangelio como en sus tres epístolas, habla en defensa de la fe. Él dijo también sobre una persecución que era movida contra la Iglesia a través de los gnósticos, sectarios del gnosticismo, que decían saber explicar todas las cosas por medio de la doctrina de los gnósticos (conocimiento perfecto de la divinidad). Muchos de ellos eran judíos y perseguían la Iglesia, principalmente en el campo doctrinario y político.

El apóstol Pablo formaba parte del grupo de los fariseos, partido judaico de rígidas costumbres que siempre perseguía a la Iglesia de Cristo. Él, mientras tanto, terminó convirtiéndose, gracias a Dios. Todos los discípulos, con excepción de Juan, murieron asesinados, porque estaban haciendo la obra de Dios. ¿Cuáles eran sus grandes enemigos? En principio, los propios judíos, que veían su hegemonía religiosa amenazada, después los romanos, que eran los dominadores políticos y temían el fin de su poder.

La persecución trae tribulación, que es una especie de agitación, de nerviosismo, de malestar, de guerra que la persona enfrenta exterior e interiormente por estar sufriendo algún asedio, alguna forma de presión. Del punto de vista cristiano, la tribulación esta íntimamente ligada a la persecución.

Las personas son atribuladas en el sentido de ser perseguidas. No vamos a confundir tribulación con las aflicciones, las dificultades que tenemos con los hijos, parientes o amigos en la rama del comportamiento natural. Eso no es una tribulación: es un sufrimiento. La tribulación es algo que nos presiona, intenta forzar una situación sobre nosotros; dejándonos en una situación que aparentemente no tiene salida, no tiene solución.

Normalmente nosotros nos sentimos atribulados cuando somos perseguidos, porque nuestra alma no puede estar en paz, pues necesitamos estar atentos, tramando situaciones para huir, escaparnos, no ser sorprendidos por esa persecución. La tribulación está muy próxima del cristiano y muchas veces lo sorprende en situaciones en las cuales ni imagina ser sorprendido. Es un arma que el diablo usa para intentar derrumbar al cristiano de su fe.

El Señor Jesús dijo: “Estas cosas os he hablado para que en mí tengáis paz. En el mundo tendréis aflicción, pero confiad, yo he vencido al mundo.” (Juan 16:33)

Il tempo


La luce del mondo


29/06/13

Chi è importante per te?

 (-_-) Là dov'è il tuo tesoro, sarà anche il tuo cuore.
"- in chi o in che cosa poni il tuo cuore... Questo sarà il tuo dio."


Controlla la lingua


28/06/13

La conquista de la corona de vida.




Es importante ser fiel en todo tiempo, no solo cuando las cosas van bien.

“Yo conozco tus obras, y tu tribulación, y tu pobreza (pero tú eres rico), y la blasfemia de los que se dicen ser judíos, y no lo son, sino sinagoga de Satanás.

No temas en nada lo que vas a padecer. He aquí, el diablo echará a algunos de vosotros en la cárcel, para que seáis probados, y tendréis tribulación por diez días. Sé fiel hasta la muerte, y yo te daré la corona de la vida.

El que tiene oído, oiga lo que el Espíritu dice a las iglesias. El que venciere, no sufrirá daño de la segunda muerte.” Apocalipsis 2:9-11

La iglesia de Éfeso, naturalmente, no había pasado por las mismas tribulaciones que la iglesia de Esmirna. Al contrario, ella se volvió importante, influyente, y una de las más famosas del mundo. Por lo tanto, fue reprendida por el Señor por haber abandonado a su primer amor. En cambio, la iglesia de Esmirna estaba atribulada, pobre, y aún tendría que sufrir, pues algunos miembros serían presos y colocados a prueba, finalizando en una tribulación de 10 días. Para con ella no hubo ninguna censura de parte del Señor Jesús. Si la iglesia de Éfeso hubiese sufrido las tribulaciones que Esmirna sufrió, seguramente no habría abandonado a su primer amor. Quizás sea esa la principal razón por la que Pablo dijo: “… sino que también nos gloriamos en las tribulaciones…”, (Romanos 5:3).

En cuanto a los 10 días de tribulación, pueden significar un corto plazo o un período limitado de tiempo. La tribulación a la que se refiere puede haber sido una persecución implacable del emperador romano Domiciano, que fue en un período corto de tiempo. Fue, sin embargo, extremadamente cruel.

“… Sé fiel hasta la muerte, y yo te daré la corona de la vida. El que tiene oído, oiga lo que el Espíritu dice a las iglesias. El que venciere, no sufrirá daño de la segunda muerte.”, (Apocalipsis 2:10-11).

La fidelidad es parte del carácter de quienes nacieron de nuevo y, por eso, son habitación del Espíritu de Dios. Es en las tribulaciones que la fidelidad se muestra, pues es muy fácil ser fiel cuando las cosas van bien. El Señor Jesús tenía motivos para considerar a esa iglesia fiel, incluso estimularla a continuar así hasta la muerte, una vez que las pruebas que él había pasado testificaban al respecto.

Mientras tanto, no es suficiente ser fiel solo durante un tiempo, o la mayor parte de él, sino durante todo el tiempo, hasta la muerte. Este es el requisito para la victoria total y la conquista de la corona de vida.

¡Qué Dios los bendiga abundantemente!

Gesù vive


✎ Il più grande uomo della storia: Gesù cristo 
☛ Non aveva servitori, ma Lo chiamavano Signore
☛ Non aveva lauree, ma Lo chiamavano Maestro
☛ Non aveva medicine, ma guariva tutti
☛ Non aveva eserciti, ma i re Lo temevano 
☛ Non ha vinto nessuna grande battaglia, ma ha conquistato il mondo
☛ Non commise nessun crimine, ma Lo crocifissero
Lo seppellirono, ma oggi vive !


Fede...


Girl healed from leukemia - Campaign of Israel

27/06/13

☛ Tu, o donna, sei speciale per Dio!


История Жизни - Елена Сухова


Елена – с детства у меня была аллергия…
До прихода в Центр Духовной Помощи церкви «Храм Духа Святого» я и моя семья уже были верующими и уже имели информацию о Боге. Я знала о нем, я читала Библию, но моя жизнь не менялась. Также и жизнь моей семьи была разрушена. В моей семье были ужасные отношения, мой отец постоянно пил и они с мамой постоянно ссорились. Кроме этих проблем у меня также были серьезные проблемы со здоровьем – у меня была аллергия на все!

24/06/13

⇨ Non dobbiamo mollare mai... ⇐

Non dobbiamo mollare mai, e mai aggirare l'ostacolo, anche quando è difficile! 

✎ Non è una brutta cosa cadere, ma non rimanere a terra!
Rialzati, se sei caduto. Un insuccesso non è la fine e non dobbiamo mollare mai...

"-Non è forte colui che non cade mai, ma colui che cadendo si rialza."

Non è una brutta cosa cadere, ma non rimanere a terra! 
Ricordate Che le azioni sono la risposta ai nostri pensieri...
E è attraverso le azioni che esprimiamo al massimo il nostro Essere!

La iglesia es una flecha que apunta el camino verdadero (Jesús),

Maginemos que buscamos una determinada dirección, y vemos un letrero que nos indica el camino. ¿Será que por el hecho de verlo ya hemos llegado a nuestro destino? No. Tendríamos que ponernos en marcha y seguir la dirección que se nos indica.

Se engañan quienes piensan que el hecho de acudir a una iglesia es suficiente para mantener su relación con Dios. La iglesia es una flecha que apunta el camino verdadero (Jesús), la iglesia es una escuela donde aprendemos cómo practicar y vivir la fe.

Pero el hecho de acudir o frecuentar la iglesia no es suficiente, sino que debemos tomar la decisión de seguir en el camino verdadero, de practicar la Palabra de Dios y de vivir de acuerdo a Su voluntad. Sólo así nosotros podremos tener la certeza de que estamos en el camino de la salvación. Medite en esto.

23/06/13

Ostacolo...


Qual è la differenza tra una persona ingiusta e una persona eccessivamente giusta?

✎ “Non essere troppo giusto, e non farti troppo saggio: perché vorresti rovinarti?” Ecclesiaste 7.16

➣Qual è la differenza tra una persona ingiusta e una persona eccessivamente giusta? Apparentemente, c’è una grande differenza, ma analizzando il testo, verifichiamo che non ce n’è nessuna.

Dietro le ingiustizie c’è uno spirito del diavolo. Lo Spirito di Dio è la base della giustizia. Ma qual è lo spirito che si trova dietro l’eccessiva giustizia? Considerando che distrugge, non può essere lo Spirito di Dio, ma del diavolo.

➣Questo demonio agisce con l’orgoglio. Se l’ingiusto è orgoglioso, la persona eccessivamente giusta lo è ancora di più. Entrambi hanno fede in Dio, però lo spirito di orgoglio non li lascia vivere per fede.

➣Il giusto che vive per fede è umile. Con certezza, l’eccessivamente giusto pratica la giustizia esageratamente per provare a nascondere ciò che sta dentro di sé. Normalmente, tu vedi questo in una persona che non è nata da Dio.

➣Guarda il caso di Giobbe. Dio gli mostrò le sue qualità al diavolo:
✎“Hai notato il mio servo Giobbe? Non ce n'è un altro sulla terra che come lui sia integro, retto, tema Dio e fugga il male.” Giobbe 1.8

Che peccato poteva avere una persona integra, retta, temente Dio e che si sviava dal male? Apparentemente nessuno, però pur avendo queste qualità, non significa che la persona abbia avuto un incontro con Dio - anche se tutte le persone che il Signore Gesù battezza con lo Spirito Santo abbiano queste qualità.

➣A tante persone il diavolo dice: “Tu sei perfetta, onesta, che male fai?” A causa di questo, lei non si vede perduta, non si crede peccatrice.

➣Dio come può salvare una persona così? Come può uno spirito orgoglioso vivere con lo spirito umile? Non c’è dialogo tra l’orgoglioso e l’umile.

➣Pur avendo perso tutto, Giobbe continuava ad essere integro, retto, temente Dio e si sviava dal male, ma usava queste qualità per giustificarsi davanti a Dio. La perdita di tutto, il fondo del pozzo, servirono per far pensare a Giobbe che nonostante fosse così, lui era perso.

✎“Il mio orecchio aveva sentito parlare di te ma ora l'occhio mio ti ha visto. Perciò mi ravvedo, mi pento sulla polvere e sulla cenere.” Giobbe 42.5,6

➣ “Mi ravvedo e mi pento” (umiltà): questo è il cammino per la nuova nascita e in seguito, il battesimo nello Spirito Santo.

➣Per le persone integre, rette, tementi Dio e che non vanno d’accordo con il male, il cammino per l’incontro con Dio è l’umiltà.
● Dσvє c’è l’σяgσgliσ, c’è il diαvσlσ. 
● Dσvє c’è l’υмilтà, c’è il Diσ di Giαcσbbє.

22/06/13

Es fácil decir que es cristiano...


¿usted está firme?
¿Logra pasar por las dificultades de la vida o cae ante el primer obstáculo?

⇒ Es fácil decir que es cristiano, que va a la iglesia, que cree en Dios, que hace todo por Él, en fin. Pero, en el momento de las dificultades, ¿logra traspasarlas o cae ante el primer obstáculo?

⇒Permanecer firme implica saber pasar por los problemas. Sí, no hay manera de saber si realmente cree en Dios, si no pasa por algunas situaciones. Es necesario tener experiencias diarias para comprender Su magnificencia y Su actuación.

⇒Vivir la Palabra no es tarea fácil, pero es así que damos testimonio de quién es Dios. Por eso es que nos encontramos con los problemas; el diablo está allí, atento, para ver cómo reaccionaremos y cuáles son las brechas que podemos dejar para que pueda actuar.

⇒Para que eso no suceda, necesitamos tener sabiduría, discernimiento y, muchas veces, coraje para poner la Palabra de Dios en práctica. No hay manera de tener sabiduría sin tener discernimiento de cómo y cuándo usarla, además del coraje para hacerlo.

⇒La sabiduría no funciona sin el discernimiento, que no funciona sin el coraje. ¿De qué vale tener coraje para actuar y equivocarse en la acción? La firmeza en la fe es el resultado de esas tres características, las cuales todo cristiano debe tener.

✎ “El alimento sólido es para los que han alcanzado madurez, para los que por el uso tienen los sentidos ejercitados en el discernimiento del bien y del mal.” 【Hebreos 5:14】

⇒¿Qué dificultad ha pasado usted? Ha sido firme o ha pensado en actuar de cualquier forma solo para librarse del problema? Es en ese momento que usted tiene que usar el discernimiento con sabiduría, para tener el coraje de continuar, de hacer lo que debe hacer, de mantenerse en la fe.

⇒Los problemas y afrentas demoníacas no pueden causar miedo, sino más coraje para enfrentar todo, con la fe en Jesús, sabiendo que Él da el libramiento en el momento justo. Por eso, no tema.

✎ “Mira que te mando que te esfuerces y seas valiente; no temas ni desmayes, porque el Señor, tu Dios, estará contigo dondequiera que vayas.” 【Josué 1:9】

⇒ No tenga miedo, enfrente lo que sea, permanezca firme e inmediatamente todo se resolverá. ⇐

21/06/13

La grandeza del mar


➩ La grandeza del mar

¿Sabes por qué el mar es tan grande?

¿Tan inmenso?

¿Tan poderoso?…
 
¿Cómo es que siendo como es, tiene la humildad de colocarse por debajo de los ríos?…
 
Porque, sabiendo recibir, se tornó grande…

El señor Jesús nos enseño que: quien quiera ser el primero, que sea el último de todos y el servidor de todos.

Si el mar hubiese querido ser el primero y estar unos centímetros encima de todos los ríos, no sería mar, sino una isla. Toda su agua se perdería por todos lados y se quedaría aislado.

Necesitamos aprender a vivir, sirviendo siempre a los demás, con humildad y sinceridad de corazón, nunca sintiéndonos superiores a nadie.

✎Es imposible recibir sin antes dar…

✎Imposible andar sin saber caer y levantare…

✎Imposible acertar sin saber errar y perseverar hasta acertar…

✎ Imposible vivir y conquistar sin saber sacrificar.

True Belief


▬ To believe in God is to believe in His Word. And to believe in the Word is to believe in its Author. Whoever says he believes in God but doesn’t practice His Word is deceiving himself. Christian churches are full of people just like that.

▬ According to the Bible, to believe is much more than merely assuming or accepting the truth about an issue or the assertions of someone. Technically, yes; but, from a spiritual point of view, when we believe, we give ourselves unconditionally to the one we believe in. Marriage, as shown in the Bible, is an example of belief.

▬ When a person sincerely believes in the Lord Jesus Christ, he gives himself to Him—body, soul and spirit. The Lord Jesus, in turn, gives him the Holy Spirit without measure (John 3.34).

▬ Belief demands practice. If we don’t practise the will (the Word) of God, it means that we don’t believe in Him. Jesus shows the difference between the two kinds of beliefs when He speaks about a man who told his two sons to work in his vineyard. The first son said he wouldn’t go, but he did. And the second son said he would go, but he didn’t. 
➜ “Which of the two did the will of his father?” Jesus asked (Matthew 21.28-31).

▬ Abraham is an example of what it means to believe. That’s because his belief was followed by obedience to the Word of God. Many believe in the God, but only a few have truly given themselves to Him. Ask and answer this question yourself: ➜ “Lord, have I believed and practised your Word or have I just accepted the truth of it?”

Be Blessed!

⇨ Cenacle of the Holy Spirit
⇨ Universal Church of the Kingdom of God
⇨ A serious church committed to the TRUTH!

Il lupo orgoglioso

Il lupo orgoglioso

Un lupo che se andava in giro per luoghi deserti, un giorno al tramonto osservò la sua ombra. Vedendola molto grande ed allungata, esclamò: “Com'è possibile che io abbia paura del leone, se pure io sono così grande? 
Con questa mia enorme lunghezza, non diventerò, a dir poco, il Re di tutti gli animali?”.
Ma, appunto mentre si inorgogliva così, passò un leone da quelle parti, che gli ruggì addosso, pronto a divorarselo. Il lupo, cambiando subito parere, disse allora: “La presunzione e l’orgoglio sono sempre motivo di sciagura”.


L’orgoglio è una condizione mentale e morale che precede quasi ogni altro peccato. Qualunque, peccato è egoismo in forma o in un'altra, e l'orgoglio consiste essenzialmente in una smoderata stima di sé stessi e nel piacere che si prova al pensiero della superiorità sui propri simili. 
Il primo peccato dell'umanità, radice di tutti gli altri è l'orgoglio umano che ha rifiutato e continua a rifiutare l'obbedienza a Dio. 

➡Il Re Salomone scrisse queste parole a proposito del vantarsi e dell’inorgoglirsi: “Prima della rovina viene l’orgoglio, e prima della caduta lo spirito altero” (Proverbi 16:18).

 ➡L'orgoglio abbassa l'uomo, ma chi è umile di spirito ottiene la gloria. (Proverbi 29.23)

 ➡“Dall'orgoglio non viene che contesa.” (Proverbi 13:10)

 ➡"... Dio resiste ai superbi, ma dà grazia agli umili." (1 Pietro 5:5)

-Chi è altero d'animo è in abominio all'Eterno; certo non rimarrà impunito. (Proverbi 16.5)

 ➡“Lo sguardo altero dell'uomo sarà umiliato,e l'orgoglio di ognuno sarà abbassato.” (Isaia 2.11).

 ➡La Bibbia dice: Come mai sei caduto dal cielo o astro mattutino, figliuol dell'aurora? Come mai sei atterrato, tu che calpestavi le Nazioni? Tu dicevi in cuor tuo: Io salirò in cielo, eleverò il mio trono al di sopra delle stelle di Dio, io m'assiderò sul monte dell'assemblea, nella parte estrema del settentrione; salirò sulle sommità delle nubi, sarò simile all'Altissimo. Invece t'han fatto discendere nel soggiorno dei morti, nelle profondità della fossa! (Isaia 14: 12-15 )

Gesù narrò una parabola che punta sul nostro bisogno di umiltà:
➡"Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché quel tale potrebbe aver invitato un altro più importante di te, e chi ha invitato te e lui non venga a dirti: "Cedi il posto a questi". E allora tu, pieno di vergogna, non vada ad occupare l’ultimo posto. Ma quando sei invitato, va’ a metterti all'ultimo posto affinché, venendo chi ti ha invitato, ti dica: "Amico, sali più su Allora ne avrai onore davanti a coloro che sono a tavola con te. Perché chiunque si innalza sarà abbassato e chi si abbassa sarà innalzato." (Luca 14:7-11)

►Da ricordarsi che l’umiltà non è debolezza, ma forza sotto controllo.◄

Io conosco soltanto un modo per curare l’orgoglio al 100% ed è di ucciderlo sulla croce, come dice la Parola:
 ➡"Io sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me; e quella vita che ora vivo nella carne, la vivo nella fede del Figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me." (Gal 2:20)

Questo significa che la nostra carne deve morire sulla croce, e non più viva e la vita che viviamo adesso è quella di Cristo che si è sacrificato per noi. In poche parole qualsiasi offesa che viene verso di noi non ci colpisce più perché noi siamo morti ed è Gesù che la riceve, perché siamo in Lui, perciò non possiamo essere offesi. Non siamo più i capitani delle nostre anime, ma siamo schiavi di Cristo. Chi non è umile abbastanza da considerarsi schiavo di Cristo non ha parte nel Suo Regno.

20/06/13

La storia del Cerino

La storia del Cerino

Un Cerino triste e rassegnato, si era messo in disparte su un lato
della scatola e una Candela dispiaciuta, incominciò a parlargli:
-La conosci la storia del Cerino? -Esclamò la Candela 
-No! Rispose il Cerino.
-Caro Cerino non sai quanto sei importante!
-Parli bene tu! -Disse con voce rammaricata il Cerino-
-Sei una Candela ti accendesti tempo fa e la tua fiamma ancora brucia per consumarti lentamente. Io sono un Cerino mi accenderò per poi spegnermi rapidamente, in meno di un istante.
-Cerino c’è verità in quel che dici, ma credimi non conta quanto sia lunga un’esistenza, ma è importante il realizzo della sua Essenza.
Il Cerino ci rifletté su e poi aggiunse:
-Tu credi che valga sempre e comunque la pena vivere? 
Seppur consapevole di nascere per poi morire, di accendersi per poi finire?

-Ascolta prima la storia, figlio mio!
"C’era una volta una Candela accesa nel buio della notte, essa era come un faro per tutti i viandanti del mondo, chiunque poteva scorgerla anche dai luoghi più remoti, quella luce calda e confortante li carezzava ed era davvero tanto ma tanto importante.
Una notte come tante, i viandanti ebbero però un’amara sorpresa, la luce della candela si spense. Del resto era una Candela non poteva durare in “Eterno” avrebbero dovuto prevederlo, ed invece nel restare completamente al buio, panico e sconforto avvolsero l’animo di ogni viandante.
Passarono alcuni istanti che parvero lunghi come secoli, ed improvvisamente qualcuno s’ingegnò, chi si ricordò che in soffitta aveva conservata una vecchia candela, chi trovò una torcia, chi un lumino, e ci fu persino chi scoprì nella propria casa un camino, ma ahimè era tutto inutile senza un Cerino. E fu così che nell'affanno di risolvere il danno, qualcuno in tasca trovò un Cerino. 
La tristezza avvolse l’animo di quel poverino, conosceva bene la durata di un Cerino, ma la vita del mondo era in declino e allora lo usò per accendere un camino. Da quel camino ogni candela trovò fiamma, ogni cero luce, ogni lume scintilla.
E nel giro di qualche secondo, scanditi come secoli dal mondo la luce si riaccese a tutto tondo, e grazie a quel Cerino il mondo venne salvato dal declino."

-Che storia incantevole Candela, e come si chiamava quel Cerino?
-Ma come? Quel Cerino lo conosci anche tu, si chiamava Gesù!
Il Cerino sorrise di una Luce interiore che lo fece accendere con tanto Amore e quella sua breve esistenza la trascorse nel dare realizzo alla sua Essenza.


Nella storiella il cerino che offre la sua vita per dare luce ci fa pensare all'immenso Amore del Signore per noi che ha offerto la Sua Vita per la nostra salvezza. Come senza il sacrificio del cerino non sarebbe arrivata la luce, così senza il sacrificio del Signore saremmo rimasti tutti al buio prigionieri del peccato e da soli non avremmo mai ricevuto Luce... 
Il cerino fa anche pensare alla luce che fa scappare le tenebre. 
Dove c'è la luce non ci possono essere le tenebre. E come la candela sapeva che da sola non poteva accendersi, così tutti devono riconoscere che da soli resteranno spenti.
Vangelo di Giovanni 8:12-20, Gesù disse: "Io sono la luce del mondo."    Egli è la Vera Luce e per vivere, cioè camminare nella Luce occorre seguirLo... E, dove c'è la luce non ci possono essere le tenebre, Egli è la Luce ed il donatore di luce dove c'è il Signore, non ci sono le tenebre. 

Gesù è la luce del mondo, la luce vera che illumina ogni uomo.

19/06/13

La muerte, ella viene cuando usted menos la espera!!!

Reflexiones: La muerte es inminente a todos los seres humanos y, tarde o temprano, les llegará de una o de otra forma a todos.

¿Y usted vive para Quien? 
Nadie pidió para nacer, pero sí se puede elegir dónde pasar la eternidad... 

Chi Lo seguirebbe?

Racconti per riflettere: Il sacco di patate


Un giorno il saggio diede al discepolo un sacco vuoto e un cesto di patate.
“Pensa a tutte le persone che hanno fatto o detto qualcosa contro di te recentemente, specialmente quelle che non riesci a perdonare. Per ciascuna, scrivi il nome su una patata e mettila nel sacco”.
Il discepolo pensò ad alcune persone e rapidamente il suo sacco si riempì di patate.
“Porta con te il sacco, dovunque vai, per una settimana” disse il saggio. “Poi ne parleremo”.
Inizialmente il discepolo non pensò alla cosa. Portare il sacco non era particolarmente gravoso. Ma dopo un pò, divenne sempre più un gravoso fardello. Sembrava che fosse sempre più faticoso portarlo, anche se il suo peso rimaneva invariato.
Dopo qualche giorno, il sacco cominciò a puzzare. Le patate marce emettevano un odore acre. Non era solo faticoso portarlo, era anche sgradevole.
Finalmente la settimana terminò. Il saggio domandò al discepolo: “Nessuna riflessione sulla cosa?”.
“Sì Maestro” rispose il discepolo. “Quando siamo incapaci di perdonare gli altri, portiamo sempre con noi emozioni negative, proprio come queste patate. Questa negatività diventa un fardello per noi, e dopo un pò, peggiora.”
“Sì, questo è esattamente quello che accade quando si coltiva il rancore.
Allora, come possiamo alleviare questo fardello?”.
“Dobbiamo sforzarci di perdonare”.
“Perdonare qualcuno equivale a togliere una patata dal sacco. Quante persone per cui provavi rancore sei capace di perdonare?”
“Ci ho pensato molto, Maestro” disse il discepolo. “Mi è costata molta fatica, ma ho deciso di perdonarli tutti”.


▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ 

Perdono...
Molti non hanno la minima idea dell’importanza del perdono. Associano come una cosa comune che il tempo può cancellare.
Se fosse così semplice, con certezza, il Signor Gesù non lo avrebbe messo come obbligatorio (Matteo 6.14-15), né che si perdonasse tante volte quante fossero necessarie (Matteo 18.22).

Perdonare il più grande dono di Dio!

"-Se non vuole perdonare, tu sei un prigioniero di questo sentimento; allora diventerai una persona vuota, amara e infelice!"

-Il perdono sarebbe semplice se dovessimo accordarlo soltanto a quelli che vengono a chiedercelo con dolore e pentimento. Ma, la Bibbia ci dice che dobbiamo perdonare coloro che peccano contro di noi, incondizionatamente. 

Rifiutare di perdonare davvero una persona mostra risentimento, amarezza e rabbia, caratteristiche queste che non appartengono a un cristiano. 
Perdonare significa anche dimenticare l'accaduto, sta scritto nella Bibbia che quando Dio ci perdona, Egli getta i nostri peccati in fondo al mare, e non si ricorderà mai più. Noi dobbiamo fare la stessa cosa. Il vero perdono non ha rancore, non ha dubbi, non ha pentimenti, non ha pensieri cattivi. 

Matteo 18:21-22 Allora Pietro gli si avvicinò e gli disse: "Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte? E Gesù gli rispose: Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette."

Nel “Padre nostro” chiediamo a Dio di rimetterci i nostri debiti così come noi li rimettiamo a coloro che peccano contro di noi 
“Poiché se voi perdonate agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonate agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe.”
( Matteo 6:14,15 )
Le persone che rifiutano di perdonare gli altri non hanno davvero sperimentato personalmente il perdono di Dio.

Dio è pronto a perdonare chiunque glielo chieda. E’ scritto nella Bibbia, nel Salmo 86:5: “Poiché tu, o Signore, sei buono, pronto a perdonare, e misericordioso verso tutti quanti t’invocano.”

È scritto nella Bibbia, nel Salmo 51:1: “Abbi pietà di me, o Dio, per la tua bontà; nella tua grande misericordia cancella i miei misfatti.”

“Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità.”
(1 Giovanni 1:9)

-Se Dio ci ha perdonato così tanto, come possiamo rifiutare di perdonare gli altri per così poco?

Chi ha orecchi per ascoltare, ascolti! (Mc 4,9). ☚

 ♡     ♡     ♡ 

18/06/13

Pourquoi La Dépression?


De la même manière que la foi apporte la vie, le doute apporte la mort. Tandis que la foi stimule les rêves, les espérances et relève l’amour-propre, le doute empoisonne les rêves, les espérances et promeut des dépressions.

Je doute qu’il ait une médecine qui puisse guérir la dépression, comme je doute que quelqu’un qui pratique la foi dans la Parole de Dieu soit dépressif. Du point de vue spirituel, la dépression n’est rien de plus qu’un état permanent de doute. Je n’ai pas beaucoup de connaissances en médecine conventionnelle, mais je comprends un peu de celle qui est liée au spirituel. La dépression est un problème strictement spirituel.

Quelle drogue médicale est capable de guérir cette maladie spirituelle?
Combien de personnes se suicident, après des crises dépressives?
Et qu’est-ce que les philosophies freudiennes ont fait jusqu’à présent, pour changer ce tableau? 
Rien. Pourquoi?

Parce que, si le problème est d’origine spirituel, sa solution est aussi spirituelle. Sachant qu’il est question d’un problème spirituel, on ne peut éviter de faire appel à la foi. Normalement, lorsqu’on parle de foi, les irréfléchis pensent tout de suite à la pratique d’une religion. Et c’est là qu’ils se trompent.
La foi biblique n’a rien, absolument rien à voir avec une religion quelconque ou quoi que ce soit de semblable. La Bible nous exempte de toute religion. Dans la foi biblique vous trouvez Esprit et Vie. L’Esprit et la Vie qui jaillissent de la Source de Vie.
Les êtres humains sont une trinité: corps, âme et esprit. Comme le corps a des nécessités physiques et l’âme a besoin d’amour, l’esprit humain n’est nourri que par l’Esprit de la Parole de Dieu – la Sainte Bible.
Tant que l’esprit humain n’est pas nourri, la personne sent UN TROU DANS LA POITRINE. Il ne s’agit pas de religion, ni de religiosité. Mais de l’Esprit de la Vie.

Vous en voulez la preuve?
Lisez tout type de livre, de philosophie, d’auto-assistance, un roman ou n’importe autre livre qui soit à votre disposition. Ensuite, faites une auto-analyse. Vérifiez si, en vous, quelque chose a changé. Je suis absolument certain que non. Au contraire, votre pensée est restée encore plus confuse, vous-même, vous allez vous en apercevoir.

Maintenant faites une autre expérience. Lisez le Livre de la Vie: la Sainte Bible. Lisez Genèse, l’origine du Bien et du Mal. Méditez sur chaque phrase. Ensuite. Lisez Psaumes, Proverbes, Esaïe, l’Evangile de Luc…

Je doute qu’à la fin d’un seul ces livres, vous allez continuer de la même façon que vous étiez auparavant. Savez-vous pourquoi? 
Parce que l’Esprit de la Parole de Dieu va vous toucher. Soyez illuminé au Nom du Seigneur Jésus-Christ!

http://eurdgabon.blogspot.com.br/2012_11_01_archive.html

EL SHADDAI

Un racconto per riflettere: E se i peccati fossero pietre?


Due donne recarono in chiesa per per chiedere al pastore un consiglio. L'uomo di Dio si fece raccontare la loro vita.
La prima pensava di essere una grande peccatrice. Lei nei primi anni del suo matrimonio, aveva tradito la fiducia del marito e, anche se in seguito non era più accaduto, non riusciva proprio a dimenticare quella colpa. Lei raccontò del profondo rimorso che aveva dentro e singhiozzando affermò: "Non può esserci perdono per me, il peccato commesso è troppo grande."

L'altra donna, che fino a quel momento aveva guardato con aria di disprezzo la prima, si sentiva a posto ed in pace con se stessa, raccontò all'uomo di Dio: "Non ho particolari errori e colpe da raccontare, infatti ho sempre rispettato tutti ed ho adempiuto alle leggi del buon comportamento sociale."

L'uomo di Dio, dopo una silenziosa riflessione, rivolgendosi alla prima disse: "Figliola, vai a cercare una pietra, la più pesante e grossa che riesci a sollevare e portamela qui." Poi rivolgendosi alla seconda affermò: "E tu, portami tante pietre quante ne riesci a tenerne in grembo, ma che siano piccole." 

Le due donne sì affrettarono a eseguire l'ordine ricevuto. La prima tornò con una grossa pietra, la seconda con un'enorme borsa piena di piccoli sassi. L'uomo di Dio dapprima esaminò attentamente le pietre, poi, fissando lo sguardo sulle due donne, affermò: "Ora dovete fare un'altra cosa: riportate le pietre dove le avete prese, ma badate bene di rimettere ognuna di esse nel posto esatto dove l'avete presa. Poi tornate da me."

Pazientemente, le due donne cercarono di eseguire l'ordine ricevuto. La prima trovò facilmente il punto dove aveva preso la pietrona e la rimise a posto. 

La seconda invece girava invano, cercando di ricordarsi dove aveva raccolto le piccole pietre della sua borsa. Era chiaramente un compito impossibile e tornò mortificata a casa dell'uomo di Dio con tutte le sue pietre.

Il saggio sorrise e disse: "Succede la stessa cosa con i vostri peccati. Tu, disse rivolto alla prima donna, riconoscendo la tua colpa hai facilmente rimesso a posto la tua pietra, perché sapevi dove l'avevi presa. Hai ascoltato umilmente i rimproveri della tua coscienza ed hai riparato grazie alla tua confessione ed al tuo pentimento davanti a Dio!

Tu invece, disse alla seconda donna, non sai dove hai preso tutte le tue pietre, come non hai saputo accorgerti dei tuoi tanti peccati. Hai condannato le colpe degli altri e sei rimasta invischiata nelle tue, perché non hai saputo riconoscerle!"

▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔ ▔  

- Il racconto non vuol tanto evidenziare l'importanza del numero dei peccati, quanto l'importanza della nostra disposizione a riconoscere d'aver peccato e questo è stato facile per la donna che ha riconosciuto d'aver commesso quel gran peccato e difficile per l'altra che ha commesso solo piccole colpe e quindi si riteneva perfettamente innocente. 

“Prendeteci le volpi, le piccole volpi che guastano le vigne, poiché le nostre vigne sono in fiore!”. (Cantico dei Cantici 2:15)
"-Le volpi in cerca di cibo a volte entrano negli orti, mangiano l’uva e rovinano i raccolti; non arrivando ai grappoli saltano e distruggono tutto, distruggendo l’intera vigna, che è molto peggio... 
Così un piccolo peccato avrà conseguenze, perché crediamo piccole o insignificanti possono essere molto dannose." 

- Sono per noi piccole colpe... Ricordiamoci che davanti a Dio non c'è piccolo o grosso peccato, tutti i peccati sono uguali agli occhi di Dio, esiste solo il Peccato. (I Giovanni 5:17) Poiché ogni peccato, piccolo o grande, nasce dalla disobbedienza alla sua parola!

"Peccare è non vivere come Dio ci insegna." (Giacomo 4:17)
-Paolo dice che ognuno di noi ha peccato ed è privo della gloria di Dio (Romani 3:10;23)

Il peccato ci separa da Dio, per questo non possiamo avere un rapporto personale con Lui, Dio non può permettere il peccato alla sua presenza. Dio è amore, buono e misericordioso, ma, in primo luogo "Dio santo e giusto!"
Dio ci ama (Giovanni 3:16) e vuole che tutti siamo salvati (2 Pietro 3:9). Ma dato che Dio è anche giusto, Egli non può permettere che il peccato vada impunito.

E nella Sua grande misericordia e nel Suo grande amore, Dio ha provveduto il Suo pagamento per i nostri peccati; Egli ha mandato il Suo Figlio Gesù Cristo a pagare il prezzo del nostro peccato morendo sulla croce per noi. La morte di Gesù è stata una morte infinita perché Egli è il Dio/uomo che ha pagato il nostro debito (i nostri peccati), in modo che noi non dobbiamo più pagarlo... (2 Corinzi 5:21).

Se confessiamo i nostri peccati e mettiamo la nostra fede in Gesù come unico e sufficiente Salvatore. (Giovanni 14:6; Atti 4:12), chiedendo a Dio di perdonarci sulla base del Suo sacrificio, allora saremo salvati, perdonati e ci verrà data la promessa della vita eterna in paradiso. 

Dio cancella i nostri peccati, quando chiediamo perdono a Dio nel nome del Signore Gesù Cristo.

“Venite quindi e discutiamo insieme,” dice l`Eterno, “anche se i vostri peccati fossero come lo scarlatto, diventeranno bianchi come la neve.” (Isaia 1:18)

"Cercate l’Eterno, mentre lo si può trovare; invocatelo, mentre è vicino. Lasci l’empio la sua via, e l’uomo iniquo i suoi pensieri: e si converta all'Eterno che avrà pietà di lui, e al nostro Dio ch'è largo nel perdonare." (Isaia 55:6-7)

Dio dice che non importa quanto siano gravi i nostri peccati, Lui può farli scomparire. Non importa quanto siamo malvagi o perversi, Lui può renderci puri

il peccato è la via larga che ci porta alla morte,  per cui se ci pentiamo Gesù ci indicherà la deviazione stretta che ci porterà nella direzione della vita, anche se cadiamo Egli ci rialzerà se ci rivolgiamo a Lui con rispetto ed ubbidienza!

“Quando Dio perdona dimentica”
Le parole più confortanti nell'intera Bibbia si trovano in Geremia 31:14; Ebrei 10:17, dove Dio sta parlando della nuova condizione in cui saremo quando siamo entrati nel nuovo patto o nell'era della rivelazione - “non ricorderò più le loro iniquità e i loro
peccati”...
La verità è che Dio non solo semplicemente perdona i nostri peccati; li dimentica totalmente e completamente. Non se ne ricorderà più in alcun modo. Cancella dalla Sua memoria tutti i peccati che abbiamo commesso.

Il perdono avviene quando ubbidiamo alla verità. (Giovanni 8:32; Ebrei 5:8-9). Dio vuole che ognuno di noi sia salvato. Questo e il motivo per cui Gesù ha sparso il suo sangue sul calvario. Ma non salverà nessuno di noi a meno che non gli obbediamo, credere in Gesù è assolutamente essenziale. (Giovanni 8:24). Senza pentimento non c’è alcuna speranza per noi. (Atti 17:30); (Romani 6:17).

Ma “ringraziato sia Dio, che ci dà la vittoria per mezzo del nostro Signore Gesù Cristo” (1 Corinzi 15:57).

Gesù ti ama!

16/06/13

Il segreto della forza...


Gesù é la roccia


Il contadino e la pietra

Il contadino e la pietra

In tempi antichi un re fece collocare una pietra enorme in mezzo ad una strada. Quindi, nascondendosi, rimase ad osservare per vedere se qualcuno si sarebbe preso la briga di spostare la grande pietra che troneggiava in mezzo alla strada.
Alcuni mercanti ed altri sudditi molto ricchi passarono da lì e si limitarono a girarle attorno; altri protestarono contro il re dicendo che non manteneva le strade pulite, ma nessuno di loro provò a muovere la pietra da lì. 
Ad un certo punto passò un contadino con un grande carico di verdure sulle spalle; avvicinandosi all'immensa roccia poggiò il carico al lato della strada per tentare di rimuoverla.
Dopo molta fatica e sudore riuscì finalmente a spostare la pietra, spingendola fino al ciglio della strada. 
Tornò indietro a prendere il suo carico e notò che c'era una piccola borsa nel luogo in cui prima stava la pietra. La borsa conteneva molte monete d'oro e una lettera scritta dal re che diceva che quell'oro era per la persona che avesse rimosso la pietra dalla strada. Il contadino imparò quello che molti di noi neanche comprendono: "Tutti gli ostacoli sono un'opportunità per migliorare la nostra condizione."


Il contadino imparò quello che molti di noi non sempre comprendiamo che: "Tutti gli ostacoli incontrati nella nostra vita, sono un'opportunità nelle mani di Dio, per farci realizzare le sue benedizioni". Quanti ostacoli, incontriamo sul nostro cammino vita; come figli di Dio non sempre ne siamo esenti. Ma quel macigno che stai vedendo nella tua vita: la malattia, la mancanza del lavoro, la famiglia distrutta, le delusioni, ecc … 

Non permettere che schiaccino la tua fede nel Signore. Permetti che questo ostacolo nella tua vita, sia un’occasione meravigliosa che Dio concede a te, affinché tramite il tuo problema, possa dimostrare la Sua gloria. Questo è possibile, se come quel contadino, anche tu fai la tua parte, che non è quella di guardare il problema, o piangere sul problema, ma di confidare nella fedeltà di colui che è la sola risposta al problema: Gesù, il Signore! 

Un'attitudine è abbastanza per cambiare il proprio destino!
" Gesù disse: Togliete via la pietra! ". Giovanni 11:39
Tutto ciò che pretende conquistare nella tua vita diventerà possibile dopo avere preso una decisione: "È togliere la pietra per arrivare il miracolo."

"Il mio popolo persiste a sviarsi da me; lo s’invita a guardare a chi è in alto, ma nessuno di essi alza lo sguardo." (Osea 11: 7)
un ostacolo da superare.

15/06/13

Gesù è l'unica via per la salvezza


- La Bibbia afferma che non esiste un'altra via all'infuori di Cristo per ottenere la salvezza. 
Gesù disse: "Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me" (Giovanni 14:6). 
Gesù è l'unica via per la salvezza, perché Egli è il solo che ha pagato il prezzo del nostro peccato (Romani 6:23).

Gesù è il ponte fra Dio e l'uomo e se oggi veramente vogliamo per fede credere in Lui possiamo avere una relazione vera con Dio: 
"Or questa è la vita eterna, che conoscano te, il solo vero Dio, e Gesù Cristo che tu hai mandato" (Giovanni 17:3).

L'unica spiegazione è questa: Gesù ha riconciliato il mondo con se stesso quando è morto sulla croce. 
La salvezza si trova solo attraverso la fede in Cristo Gesù! Infatti è scritto: 
"E in nessun altro vi è la salvezza, poiché non c'è alcun altro nome sotto il cielo che sia dato agli uomini, per mezzo del quale dobbiamo essere salvati" (Atti 4:12).

Troppo lontano per sentirlo.


" I due fidanzati erano in un centro commerciale, tra la confusione si persero di vista, uno cercava l'altra, quando si incontrarono con lo sguardo, notarono che c'era molta distanza tra loro e che, anche se parlavano ad alta voce, non potevano sentirsi." 


-A volte noi viviamo in questo modo con Dio, la confusione di un problema sentimentale, fisico, familiare, economico ci allontana da Dio e, quando lo cerchiamo e lo chiamiamo...
Ci rendiamo conto che siamo lontani per ascoltarLo. 

La lontananza è uno dei motivi per cui tu non senti più Dio, e forse dirai, ma io vado in chiesa, probabilmente il tuo cuore è lontano da Lui. 

Egli parla attraverso le situazioni della vita, anche quelle più difficili, è l’uomo non ci bada perché preferisce coprire il proprio disagio e la propria sofferenza con tutto ciò che permette di non pensare. 

Hai bisogno di accorciare le distanze con Dio, probabilmente è il tuo orgoglio, la tua ribellione, la tua bugia... 
È il tuo peccato che ti allontana da lui, tutto questo crea distacco da Dio perché egli è Santo. 

Avvicinati a Lui, Gesù Cristo è disposto a sentirti, ma anche a risponderti, ascolta il proposito che ha per te, non rinunciare ad una vita di gioia e di benedizioni con lui. Non aspettare che arrivi il giorno in cui Dio verrà, l'inferno è molto lontano dal paradiso, nessuno potrà sentirti perché le porte dell'inferno ti avranno completamente separato dal tuo Creatore. Avvicinati solo un po', Dio ha qualcosa da dirti. Chiamalo e lui risponderà.

La Bibbia promette con assoluta certezza che se un uomo presta attenzione alla voce di Dio la sua vita può venire completamente trasformata. Scompaiono dubbi ed incertezza, sostituiti da una profonda pace, Gesù afferma: “Ecco, io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la mia voce e apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con me” (Ap. 3:20). 

Il problema fondamentale è che, molto spesso, l’uomo non bada alla voce di Dio, force, si sente superiore,  è arrabbiato con Dio, non ha tempo, o assolutamente  non vuole ascoltarLo... Beh...  Non lo so...  L'unica cosa che so è che è impossibile parlare con chi non vuole ascoltare...
 "... se il mio popolo mi ascoltasse... " (Salmi 81:13 )

Anche oggi Gesù Cristo sta bussando alla porta del tuo cuore; ascolterai la sua voce o continuerai a fare finta di niente? 
Non è sufficiente “ascoltare”, occorre aprire la porta, permettere alla meravigliosa Grazia di Dio di colmare il vuoto del cuore.

 “Dio parla all'uomo, ma l’uomo non ci bada”, tuttavia, sempre nello stesso libro è anche scritto “Se gli uomini  l'ascoltano, se si sottomettono, finiscono i loro giorni nel benessere, e gli anni loro nella gioia” (Giobbe 36:11). 

Il Signore, nel suo amore, ti ha creato con la possibilità di scegliere se ascoltare o meno la sua voce. 

Fai la scelta giusta: ascolta la voce di Dio.

14/06/13

Dio agisce

Quando l'uomo ascolta, Dio parla...
Ma, quando l'uomo ubbidisce Dio agisce!


Sarò con te...


"Nessuno potrà resistere di fronte a te tutti i giorni della tua vita; come sono stato con Mosè, così sarò con te; io non ti lascerò e non ti abbandonerò."  (Giosuè 1:5)

Se confidiamo, se ci fidiamo di Dio, se mettiamo la nostra vita  nelle sue mani, noi possiamo:
-affrontare qualsiasi situazione,
-andare controcorrente,
-combattere qualsiasi nemico e circostanza,
-reagire nel giusto modo in ogni situazione.
-sopportare difficoltà e incomprensioni,
-costruire la nostra vita,
-arrivare alla meta.

Non è importante quello che fanno gli altri, è importante quello che fai tu agli occhi di Dio. Abbi l’atteggiamento giusto, non criticare, abbi fede in Dio, non lamentarti. Confida nel Signore.

Il deserto rivelò la poca fede di Israele, ma rivelò anche la fede di Caleb e Giosuè. Come si confida in Dio?
Pregando, azionando la propria volontà mettendola nei binari della Sua volontà. Ecco perché dobbiamo imparare a pregare.
Lasciando operare lo Spirito Santo nella nostra vita. Non noi con le nostre capacità, ma Lui, nelle piccole e grandi cose!
Se tu confidi in Dio, Lui sarà con te

Ritratto ingannevole

Ritratto ingannevole

"Un gruppo di persone vagava in una vasta sala di esposizione di quadri e in mezzo al gruppo, un uomo di una certa età faceva da critico. Per quanto dimenticava di inforcare i suoi occhiali, non mancava di fare osservazioni e apprezzamenti su ogni opera che osservava; aveva la pretesa di apparire come un fine conoscitore d'arte! 
Manifestando poi delle forti riserve su un quadro che il gruppo stava osservando: “Lo sfondo non conviene al soggetto e i lineamenti del viso non meritavano un dipinto. Con questo materiale a disposizione, non si doveva correre il rischio di fare un capolavoro!”. Gli astanti ascoltavano trattenendo la risatina. Sua moglie gli batté la mano sulla spalla e gli disse all'orecchio: “Ma che cosa stai dicendo, non è un quadro, tu stai guardando in uno specchio! 
Una amara confusione!, criticava la sua stessa faccia, si vedeva, ahimè, com'era realmente!”


Spesso guardiamo gli altri e non temiamo di esprimere su di loro giudizi severi. Nondimeno, noi assomigliamo stranamente a loro! 
Volete sapere ciò che siete veramente?
Leggete la Parola di Dio!
-Essa è uno specchio che non vi lusinga perché mostra i pensieri più segreti del vostro cuore. Con una parola semplicissima il 
Signore Iddio definisce la nostra natura: 
“Il cuore è ingannevole più d'ogni altra cosa, e insanabilmente maligno; chi lo conoscerà?” (Geremia 17:9).

La Bibbia è "una lampada al mio piede". Ai tempi andati, non c'era illuminazione pubblica e chi doveva camminare di notte doveva ricorrere a piccole lampade ad olio.
Oggi come ieri, in campo spirituale, l'uomo brancola nel buio e non sa dove mettere i “piedi”. Molti sono quelli che vogliono seguire le proprie inclinazioni o le false luci, ma finiscono nelle sabbie mobili o in fondo a precipizi. 
Beato è chi si lascia illuminare come il salmista che supplicando in preghiera dice, “Sì, tu sei quel che fa risplendere la mia lampada; l'Eterno, il mio Dio, è quel che illumina le mie tenebre” (Salmi 18:28). 

Qualcuno ha detto: facendo la sua testimonianza di salvezza…
“Solo quando mi fu parlato di Gesù, della sua opera di salvezza, non mi posi nessun’altra domanda, né vidi alcun ostacolo nel farmi avanti all'appello per ricevere la grazia. In quel momento quello che avvertivo, era un gran bisogno di essere in pace con Dio. Questa sola necessità mi fece muovere dal mio posto e rispondere all'appello.

Gesù afferma: “Se dunque tutto il tuo corpo è illuminato, senza avere alcuna parte tenebrosa, sarà tutto illuminato come quando la lampada t'illumina con il suo splendore” (Luca 11:36). 

Siamo solo uditori della Parola o anche esecutori? 
Mostriamo i segni di un vero cristiano o siamo ancora perduti? Esaminiamo noi stessi per vedere se siamo nella fede!
Se siamo veri cristiani, mettiamo in pratica quello che sappiamo?

… “Perché se uno è ascoltatore della parola e non esecutore, è simile a un uomo che guarda la sua faccia naturale in uno specchio” (Giacomo 1:23).

Conoscere la Parola e non metterla in pratica, non serve a nulla.
Giacomo ci ricorda: “Ma mettete in pratica la Parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi. Perché, se uno è ascoltatore della Parola e non esecutore, è simile a un uomo che guarda la sua faccia naturale in uno specchio; e quando si è guardato se ne va,e subito dimentica com'era … Ma chi in essa persevera, non sarà un ascoltatore smemorato, ma uno che la mette in pratica; egli sarà felice nel suo operare” Giacomo 1:22-25).

“Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla vita, perché amiamo i fratelli. Chi non ama rimane nella morte"
(1 Giovanni 3:16). 

Sappiamo tante cose sulla nostra relazione con Dio, con la chiesa, con la famiglia e con il mondo; ma veramente le mettiamo in pratica?
-Non basta sapere, dobbiamo mettere in pratica quello che conosciamo...

13/06/13

La Bibbia murata



Antonio, giovane muratore, decise di andare da Lugano in Svizzera centrale, dove avrebbe guadagnato molto di più che al suo paese. Fece la valigia e partì. Durante il viaggio incontrò un’anziana signora che gli parlò di Gesù. Egli però non mostrò nessun interesse. La signora gli offrì comunque  una Bibbia che lui accettò, ma si guardò bene dal leggerla.
Arrivato a Glaris, lavorò alla costruzione di un grande edificio. Antonio si faceva beffe delle cose di Dio ed era solito bestemmiare, come la maggior parte dei suoi compagni. 

Un giorno portò quella Bibbia in cantiere e disse loro:
“Ah! Ecco un bello scherzo! Vedete questa Bibbia? 
La metto in questo buco”. Detto fatto e la Bibbia, fu messa tra due mattoni. ”Un po di calce e vedremo se il diavolo saprà scovarla“, disse fra le risate dei compagni.

Qualche anno dopo, un violento incendio devastò Glaris e furono distrutti 490 edifici. Quando iniziarono i lavori di ricostruzione, Giovanni, un capomastro italiano, ricevette il compito di esaminare lo stato dei muri di un edificio nuovo che era stato devastato in parte dalle fiamme.

Fu così che scoprì fra le macerie di un muro quel libro perfettamente conservato. Pensò che poteva avere del valore; allora lo prese, lo lesse e non tardò a capire di essere un peccatore e che Dio lo amava e lo voleva salvare. Credette al Signore Gesù e ricevette la sicurezza del perdono e della vita eterna promessa dal Vangelo a coloro che credono.

“La mia parola non è forse come il fuoco”, dice il Signore, “e come un martello che spezza il sasso?” (Geremia 23:29)

"La parola di Dio non è incatenata." (2 Timoteo 2:9)

Giovanni, convertito dalla lettura di quella Bibbia scoperta fra i mattoni, nei giorni liberi partiva con una valigia piena di Bibbie, per annunziare la salvezza nei paesi vicini.

Un giorno, Antonio passò davanti al suo stand e si fermò.
“Oh! di nuovo le Bibbie! 
Non ne ho bisogno! 
Mi basta andare a Glaris. Là ne ho nascosta una in un muro e neanche il diavolo potrebbe trovarla!”

Giovanni, sorpreso e stupito, guardò l’uomo con serietà e gli disse: ” Che ne diresti se ti facessi vedere quella Bibbia che dici di avere murata? ” Non ci casco”- rispose Antonio – “La riconoscerei subito”. Giovanni trasse la Bibbia dalla tasca e gliela mostrò. Antonio la prese, la rigirò. Era proprio quella!
“-Sta pur tranquillo, non è il diavolo che l’ha trovata; è stato Dio! 
Egli mi ha salvato per mezzo di questa Bibbia e vuole salvare anche te!”
La rabbia di Antonio esplose, chiamò i suoi compagni e nel giro di qualche minuto il piccolo stand fu devastato. 

Trascorsero alcuni mesi e Antonio cadde da un’impalcatura, ferendosi gravemente. 
Quando Giovanni ebbe questa notizia, andò a visitarlo. II cuore di Antonio, pur essendo toccato dall'affezione di Giovanni, sembrava essere di pietra. Ogni settimana Giovanni andava a trovarlo e poco a poco dapprima per noia, poi con interesse, Antonio cominciò a leggere la Bibbia.

Un giorno lesse nell'epistola agli Ebrei 12:5 “Figliuol mio, non far poca stima della disciplina del Signore”. Ciò s’applicava proprio al suo caso.

La parola di Dio spezzò il cuore duro di Antonio, egli riconobbe la sua colpevolezza davanti a Dio, gli confessò i suoi peccati e ricevette Gesù come suo personale Salvatore.


"-Quante volte l’uomo, messo di fronte alla realtà della propria condizione attraverso il messaggio del Libro di Dio, cerca di mettere a tacere la propria coscienza murando, ogni pensiero ed ogni parola, con la durezza del suo cuore impietrito. Così facendo ci si illude che si è riusciti a mettere a tacere Dio. Per poi non parlare di quanti deridono questo Libro e, sottovalutandolo, lo definiscono un insieme di favole. Eppure la Bibbia rimane l’espressione della potenza di Dio che ancora oggi ha l’autorità di cambiare e trasformare intere vite distrutte dal peccato, proprio come avvenne al muratore che, per mezzo di una sottomessa lettura, ha saputo affidare la propria vita, che fino ad allora era stata caratterizzata da continui fallimenti, a Colui che è l’Autore del Sacro Libro." 

"Questo libro della legge non si allontani mai dalla tua bocca, ma meditalo, giorno e notte; abbi cura di mettere in pratica tutto ciò che vi è scritto; poiché allora riuscirai in tutte le tue imprese, allora prospererai."  (Giosuè Cap 1.8)

Una voce dice: “Grida!” E si risponde: “Che griderò?” “Grida che ogni carne è come l’erba e che tutta la sua grazia è come il fiore del campo.  L’erba si secca, il fiore appassisce quando il soffio del SIGNORE vi passa sopra; certo, il popolo è come l’erba. L’erba si secca, il fiore appassisce, ma la parola del nostro Dio dura per sempre”. (Isaia 40:6-8)

"Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno."
 (Matteo 24:35)

12/06/13

Tra cuore e ragione...

Tra cuore e ragione

Ognuno prende decisioni,  fa quello che gli pare, usando troppo il cuore  e ascoltando poco  il suo cervello...
Quando siamo guidati dal nostro cuore,  prima o poi, le conseguenze appaiono...
 Perché ascoltare il nostro cuore, ad essere impulsivi...
E dopo la maggior parte della gente,  si pentono  per aver ascoltato il suo cuore,  e per  non hanno voluto sentire ragioni (testa).

*Mente significa:  "Ragione."
*Cuore significa: "Sentimenti."

Credo che dopo alcune esperienze non proprio positive, potrei dire che ascoltare solo il cuore ci porta a non vedere chiaramente ciò che ci accade intorno...
Allora credo che prima dovremmo ascoltare la ragione, perché sappiamo che è proprio quella che ha "RAGIONE"...

Le decisioni basate sui sentimenti di solito portano ad un
grande caos, soprattutto per le persone che sono molto sensibili o insicura.

Cosa vuole il cuore:
- Amare l'aspetto fisico...
- Decidere amare senza conoscere il carattere...
- Sposarsi per soldi...
- Non perdonare...
- Essere arrogante...
- Offendere qualcuno...
- Essere vittima...
- Attirare l’attenzione verso di sé...
- Ecc...

L'occhio non vede se il cuore non vuole...
  Ma, prima o poi, le conseguenze appaiono

La maggior parte delle volte i nostri sentimenti ci offuscano la mente e non ci fanno capire se quello che stiamo facendo è davvero corretto, se davvero stiamo facendo bene a porre la nostra completa fiducia in qualcosa che vogliamo..

La ragione ci porta a decisioni molto più serene, soprattutto quando la ragione comanda il cuore. Non si può scollegare questa unione. E... Saremo sicuri di non commettere errori che poi rimpiangeremo amaramente
Dobbiamo ascoltare prima la ragione e dopo il cuore.

Dobbiamo cercare di non ascoltare prima il nostro cuore,  la scrittura afferma che il cuore ingannevole  "Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa, e insanabilmente maligno; chi potrà conoscerlo? (Geremia 17:9).

Non dobbiamo essere un robot, ma dobbiamo essere una persona equilibrata, e mai fare le cose in fretta, è importantissimo darsi un tempo, e dopo aver pensato, decidere.   

Non possiamo affrontare una qualsiasi situazione senza avere una prospettiva futura. La bibbia dice:  
 "Chi di voi, volendo costruire una torre, non si siede prima a calcolarne la spesa, se ha i mezzi per portarla a compimento? Per evitare che, se getta le fondamenta e non può finire il lavoro..." (Luca 14,28)

Decidere con la mente è vedere il futuro una volta che la decisione sarà presa, dobbiamo valutare le conseguenze verso a noi stesso e alle persone intorno a sé. Quando prendiamo le decisioni giuste, percepiamo che abbiamo pace nel cuore.
Per questo è importante saper discernere i sentimenti delle persone, e soprattutto il nostro. Non possiamo essere squilibrati. La mente deve funzionare, sempre collegata al corpo.

"Meglio un ragazzo povero e saggio che un re vecchio e stolto che non sa più ascoltare i consigli." (Eccles. 4:13)
La parola stolto significa: "Quello che sa, ma non fa”. "
(È quello che sa fare, sa che deve fare, sa qual è la cosa giusta da fare, ma, non mette in atto)

-Il cuore,  non vuol ascoltare la voce della ragione, non vuole ascoltare consigli, argomenti... Lui  soffre per essere ribelle...

-La ragione ha sempre ragione, ma è difficile ascoltarla, e è più  difficile ammettere che lei ha ragione!

Il significato della vita.


Un professore terminò la sua lezione con le parole di rito: "Ci sono domande?" 
Uno studente gli chiese: "Professore, qual è il significato della vita?"
Qualcuno, tra i presenti che si apprestavano a uscire, rise all'udire una tale domanda. Il professore guardò a lungo negli occhi lo studente, cercando con lo sguardo di capire se era una domanda seria. Comprese però che lo era veramente. "Ti risponderò" gli disse. Estrasse il portafoglio dalla tasca dei pantaloni, ne tirò fuori uno specchietto rotondo, non più grande di una moneta e disse: "Ero bambino durante la guerra. Un giorno, sulla strada, vidi uno specchio andato in frantumi. Ne conservai il frammento più grande. Eccolo. Cominciai a giocarci e mi lasciai incantare dalla possibilità di dirigere la luce riflessa negli angoli bui dove il sole non brillava mai: buche profonde, crepacci, ripostigli. Conservai gelosamente il piccolo specchio. Diventando uomo finii per capire che non era soltanto il gioco di un bambino, ma la metafora di quello che avrei potuto fare nella vita." Lo studente se ne andò ringraziando il professore della preziosa lezione di vita.

- Con questa storiella ho compreso di essere anch'io un frammento di uno specchio.  Gesù ha detto: Voi siete la luce del mondo (Matteo 5,14). Noi dobbiamo essere la luce del mondo, se al mondo è rimasta una speranza, nelle tenebre in cui si trova, è perché Gesù  ci ha portato la LUCE, il Vangelo della salvezza. Dobbiamo portare questa luce a tutti coloro che incontriamo! 

Gesù ci ha salvato, affinché possiamo salvare, che possiamo prendere la luce a coloro che sono ancora persi nel buio.
Siamo un piccolo frammento, ma possiamo trasmettere agli altri la luce di Dio. Sei anche tu un frammento di specchio nelle mani di Dio? 
Stai anche tu riflettendo l’amore d' Cristo?
Gesù ci ha dato la luce, ora, dovremmo prendere questa luce a tutte le persone che vaga nel buio.

E la Bibbia è la Parola di Dio, che è viva oggi... (Eb. 4,12)
E la Parola di Dio è Luce; sta scritto nel Salmo : "Lampada per i miei passi è la tua Parola, Signore!" ( Salmi 118)

.

.